E alla Veglia Pasquale arriva in chiesa l’eretico

+ 62
+ 39


alt
Non è passato inosservato l'uomo che, sabato scorso, durante la Veglia Pasquale, è entrato nella chiesa di San Francesco, a Casalmaggiore, con un vistoso cappello in testa e vestito di un saio su cui si leggeva una frase - stando ai presenti - contro il Vaticano. Così agghindato, il 65enne si è piazzato nei pressi dell'altare ed ha assistito alla messa celebrata dal parroco di Santo Stefano, Don Alberto Franzini. Indubbio lo stupore dei fedeli presenti in San Francesco: l'uomo, Pietro Vignoli, di Rodigo, conosciuto come 'l'eretico' in tutta la provincia di Mantova, è rimasto in silenzio durante la funzione, mantenendo un atteggiamento composto e devoto. Avvicinato da alcuni Carabinieri della stazione di Casalmaggiore, dopo qualche domanda, con discrezione, il 65enne mantovano si è lasciato convincere ad abbandonare la chiesa. Il rodighese non è nuovo a comparsate del genere: da diversi mesi infatti Vignoli entra ed esce dalle chiese del territorio virgiliano, vestito da eretico, con indosso l'abito di penitenza di San Benito, talvolta con anche le catene a polsi e caviglie. La curia mantovana lo conosce ed ha deciso di accettare questa sua religiosità 'particolare', talvolta simile ad una forma di protesta: rivendica gli abusi e le violenze dell'Inquisizione. Sempre sabato, Vignoli si era presentato nella Basilica di Sant'Andrea, a Mantova, durante l'affollatissima cerimonia d'apertura dei Sacri vasi. Spesso, quando 'l'eretico' incrocia il Vescovo di Mantova Busti, oltre ad un sorriso ottiene anche una benedizione. Nel mese scorso, con abiti del tutto simili a quelli sfoggiati durante la veglia pasquale in San Francesco, l'uomo è entrato in chiesa a Castelbelforte, nel mantovano, dopo aver attraversato l'affollato mercato cittadino: in quell'occasione, la presenza di un fotografo in chiesa indusse il parroco ad interrompere la messa. Disoccupato, Vignoli ha pure ricevuto qualche settimana fa un avviso di sfratto. La sua insolita e comunque sempre innocua presenza, né sabato scorso né durante le precedenti repliche ha disturbato lo svolgimento delle celebrazioni religiose. In alcuni casi però 'l'eretico' (nella foto a destra) non ha trovato la comprensione ricevuta sabato a Casalmaggiore.

Segnala questo articolo su