Rodini e Cagna bravi nel D’Aloja

+ 20
+ 23


Il Memorial D’Aloja, prima gara internazionale della stagione che si è tenuto sabato e domenica a Piediluco con la presenza di circa 800 canottieri appartenenti a ben 27 nazioni, ha dato le prime indicazioni di quella che dovrebbe essere la squadra azzurra alle Olimpiadi di Londra. Tre i canottieri cremonesi impegnati nella manifestazione: Simone Raineri, Gabriele Cagna e Valentina Rodini. Simone, che punta alla sua quarta olimpiade dopo aver vinto un oro e un argento sul quattro di coppia, è stato schierato sul doppio. I riscontri non sono stati molto positivi sia nella giornata di sabato, ma neppure nella giornata conclusiva. Malgrado la presenza in barca di un altro espertissimo della squadra azzurra, Venier, Simone non è riuscito ad aggiudicarsi il successo. A batterlo, stavolta, sono stati Sartori-Battisti. Le speranze di essere a Londra, comunque non sono tramontate vista la scarsa prestazione fornita dal quattro di coppia, che potrebbe indurre l’allenatore Di Capua a ribaltare la formazione e ad inserire nuovamente il suo storico capovoga nei prossimi appuntamenti. Meglio ha fatto l’altro casalasco Gabriele Cagna, da poco approdato alle Fiamme Oro. In coppia con Ferracci, Gabriele ha ottenuto un quarto posto nella stessa gara, risultato che dovrebbe assicurare all’equipaggio la partecipazione ai mondiali Under 23. Infine, Valentina Rodini che ha corso sul doppio con la varesina Veronica Calabrese. Nella giornata di sabato le due ragazze lombarde erano riuscita a spuntarla grazie ad un piccolo colpo di fortuna, mentre domenica si sono prese la rivincita su di loro, Piazzola-Pelloni. Resta comunque il fatto che che la portacolori della Bissolati, è ormai essere un punto fisso nella nazionale Juniores.
• MEETING DI VARESE I Cadetti della Baldesio Marcello Caldonazzo (sull’otto), Jonas Vacchelli (sul quattro) e Cora Passamonti (sul quattro) sono stati convocati nella rappresentativa lombarda per il 2° meeting nazionale in programma il 21-22 aprile.

di Cesare Castellani

Segnala questo articolo su