Spaccata al bar Cristal di Annicco. Intervento dell’Arma in 10 minuti da Cremona: due romeni in manette

+ 53
+ 42


Due romeni in arresto per una devastante spaccata al bar Cristal di Annicco, colti in flagrante dopo l’intervento lampo dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Cremona, guidati dal maresciallo Eugenio Ferro, affiancati dai colleghi della stazione di Soresina comandata dal maresciallo Luigi Illustre. A finire in manette per furto il 22enne Claudiu Ilie Gutu ed il 25enne Liviu Dumitru Vaduva, cittadini romeni senza fissa dimora ma gravitanti nella zona di Annicco, dove avevano trovato rifugio.
Come delineato stamattina in sala stampa dal capitano Rocco Truda, comandante della compagnia di Cremona, affiancato dal luogotenente Angelo Foglia, capo del Norm (Nucleo Operativo Radiomobile), erano circa le 4.30 della scorsa notte quando i due romeni sono giunti in prossimità dell’esercizio a bordo di una Peugeot. Solo pochi istanti per forzare con piedi di porco la porta posteriore prima di penetrare all’interno del locale, dove i due malviventi hanno letteralmente sventrato le macchinette dei videopoker situate in un angolo del bar, scassinandole ed asportando l’intero quantitativo di monete contenuto. Assieme alle slot machines, nel mirino dei due romeni è finito anche il registratore di cassa, aperto e ripulito da tutto il contante.
Vuole il caso però che, mentre i ladri si davano da fare per trafugare il denaro, i rumori attirassero l’attenzione di un cittadino residente in zona che ha allertato immediatamente il 112. Nel tempo record di 10 minuti scarsi, due equipaggi del Nucleo radiomobile sono sopraggiunti a sirene spiegate da Cremona, affiancati dai carabinieri di Soresina. A nulla è valsa ai malviventi la fuga disperata tentata dopo essere stati sorpresi in flagranza di reato: fuggiti a piedi in direzione Genivolta, dopo che i militari avevano preventivamente sbarrato la strada alla loro auto, ormai braccati, i due sono stati bloccati poco dopo per essere quindi tratti in manette nelle camere di sicurezza del comando dove si trovano in attesa della direttissima, prevista per domani, venerdì 20 aprile. Sotto sequestro è finita la Peugeot assieme ad un vero e proprio kit da scasso abbandonato dai due giovani durante la fuga, mentre il maltolto verrà restituito ai titolari del bar: si parla di 1240 euro di bottino, 970 euro in moneta asportati dalle macchinette, assieme a 270 in contanti prelevati dal registratore di cassa. Il tutto era stato nascosto dai malviventi in un passamontagna ed una borsa. 
Con l'operazione della scorsa notte, sono circa 10 gli stranieri arrestati dall'Arma nel territorio di Annicco. Proprio qui, circa quattro mesi fa, a dicembre, era stata murata, su richiesta dei carabinieri di Soresina, una casa disabitata e fatiscente che serviva da rifugio e "deposito" per parecchi gruppi organizzati di stranieri dediti ad attività illecite: tra questi, la "holding" di otto romeni, arrestati lo scorso 2 dicembre dai militari del Radiomobile, che organizzava spedizioni in tutta la provincia, prelevando batterie dalle isole ecologiche e rivendendole per ricavarne piombo.

di Michele Scolari




Segnala questo articolo su