Autodromo: corsa contro il tempo per l’inaugurazione di domenica

+ 44
+ 46


alt
Nuovi dettagli: già destinati gli spazi del centro commerciale, apertura 6 giorni su 7, una grande festa mensile

di Vanni Raineri
A tappe forzate si va verso l’inaugurazione (di fatto, quella ufficiale verrà poi) dell’Autodromo di San Martino del Lago. Le recenti piogge hanno frenato la corsa contro il tempo, ma ieri gli operai erano febbrilmente al lavoro per realizzare i guard rail, completare il ponte dell’arrivo, assicurare le vie d’uscita in ghiaia e via dicendo. Già, perché domenica è prevista la prima giornata in cui il circuito sarà a disposizione di chi vorrà utilizzarlo per gli speed day (riservato ai piloti privati) che sarà una giornata con protagoniste le moto, e le prenotazioni sono da tutto esaurito. Difficile riconoscere i fratelli Marzio e Alessandro Canevarolo: sono operai veri e propri che fanno di tutto per evitare di dover rinviare l’atteso appuntamento al 25 aprile. Nel frattempo emergono sempre più i contenuti dell’ambiziosissimo progetto. Ad esempio il centro commerciale (uno dei quattro grandi edifici sorti nell’area) ha già in buona parte trovato i suoi occupanti: i nomi verranno resi noti nei prossimi giorni, si tratta di un negozio di abbigliamento sportivo di settore, uno di componentistica, un negozio riservato ai kart, un gommista, un bar ed un’attività che venderà prodotti tipici del nostro territorio. Quanto al ristorante, è molto ampio (con una grande area esterna) e trova spazio al piano superiore del corpo principale, quello parallelo al rettilineo di arrivo che ospita i box. Come afferma Marzio Canevarolo, una volta entrato in funzione, l’autodromo rimarrà aperto sei giorni su sette, quindi non solamente nei weekend che registreranno il maggiore afflusso, e addirittura una volta al mese (probabilmente da giugno) ci sarà una festa con concerti e varie attrazioni. Quindi altri eventi: ad esempio l’8 maggio Continental Moto ha affittato l’area per un’importante presentazione alla stampa. Per il completamento del kartodromo, servirà attendere il mese di maggio. La pista principale è lunga circa tre km e mezzo, con larghezza minima di 12 metri ed un rettilineo che sfiora il chilometro (misure da Moto GP e da test di Formula Uno), il kartodromo è di 1,3 km. Un ampio piazzale ospiterà il parcheggio, un secondo invece un’area dedicata a corsi di guida sicura. Tra le varie opere in corso, anche la realizzazione dell’isolamento acustico per salvaguardare gli abitanti della contigua Ca’ de’ Soresini, frazione di San Martino. Non è finita: nell’arco di un paio di anni è previsto anche l’allungamento della pista con raddoppio di box e paddock. In merito alla ricaduta dell’autodromo sul territorio, abbiamo sentito il sindaco Dino Maglia, che assieme al predecessore incassa i complimenti di Canevarolo (“Il Comune è stato splendido nel sostenerci”). Le previsioni dicono di circa 140 moto al giorno, con un indotto giornaliero di 350/400 persone, cui vanno aggiunte altre 150/200 unità del kart. “La gente di qui – afferma Maglia – ha accettato con entusiasmo la novità, sapendo che può rappresentare una spinta per l’economia del territorio. Le prime ricadute si avranno sulla ristorazione e gli hotel della zona ma anche l’indotto avrà certamente dei benefici, magari con il sorgere di nuove attività”. Un aspetto importante è la valorizzazione dei beni artistici del territorio. Va ricordato infatti che San Martino ospita il santuario di Caruberto con gli antichi affreschi, e a pochi chilometri c’è la splendida Chiesa Vecchia di Scandolara Ravara mentre Castelponzone, entrato recentemente nell’élite dei borghi più suggestivi d’Italia, è in pratica un tutt’uno con San Martino. Per tacere di Villa Medici del Vascello, la rocca appartenuta alla celebre Dama dell’Ermellino di San Giovanni in Croce, o il castello Mina della Scala di Casteldidone. “Anche per promuovere le tante nostre bellezze - chiude il sindaco - l’autodromo sarà importante e dovremo fare in modo che chi verrà a San Martino per i motori possa poi apprezzare altre cose che noi possiamo offrire”. Appuntamento dunque (tempo permettendo) a domenica, quando i curiosi potranno entrare nell’autodromo gratuitamente.

Segnala questo articolo su