Diabete, l’importanza della diagnosi precoce

+ 36
+ 30


In Europa sono oltre 35 milioni i soggetti affetti di diabete di tipo II, la cui insorgenza si lega a cattive abitudini alimentari e stili di vita troppo sedentari. Fondamentale, per mantenere il disturbo sotto controllo, è la diagnosi precoce, resa possibile da controlli periodici consigliati in particolare ai soggetti con predisposizione genetica e a coloro che abbiano superato i quarantanni e che conducono una vita sedentaria con uno scarso controllo alimentare. Le cause del diabete mellito di tipo II risiedono essenzialmente nell'alterazione dell'insulina, intesa sia come diminuzione della quantità di ormone nel sangue, sia come calo di attività della stessa. Il diabete può essere influenzato dalla componente genetica e da una dieta squilibrata, ricca di zuccheri, ma anche dall'obesità, dalla sedentarietà e da uno stile di vita scorretto, che possono contribuire ad accentuare il problema. Effettuare controlli periodici si rivela particolarmente importante proprio perchè il diabete di tipo II è asintomatico fino al raggiungimento di uno stadio avanzato. Il diabete mellito di tipo II, infatti, non di rado viene diagnosticato casualmente. Nello stadio avanzato, il diabete mellito di tipo

II può provocare ipertrigliceridemia e iperuricemia. Il trattamento farmacologico si pone l'obiettivo di controllare i sintomi del diabete e di evitare le complicanze gravi, soprattutto quelle a lungo termine. I farmaci maggiormente utilizzati in terapia per la cura del diabete mellito di tipo II sono essenzialmente gli ipoglicemizzanti orali; l'altra forma di diabete (di tipo I) richiede invece iniezioni di insulina per mantenere regolari i livelli glicemici. Per diagnosticare il diabete sono sufficienti delle semplici analisi del sangue per determinare la glicemia. Il campione verrà prelevato dopo almeno otto ore di digiuno e verrà poi analizzato in laboratorio. Questo esame può essere eseguito con precisione anche utilizzando un glucometro presso lo studio di un medico o le farmacie che offrono tale servizio; in caso di esito positivo si dovrà provvedere a consultare il medico per stabilire la cura.

Segnala questo articolo su