Studente accoltellato al CrForma, denuncia e sospensione per l'aggressore

+ 29
+ 22


alt
Un diverbio nato sui banchi di scuola per motivi tutto sommato futili è sfociato in un’aggressione che per poco non si è conclusa in tragedia. E’ accaduto in via Cesario all’istituto professionale CrForma, l’Azienda Speciale di Servizi di Formazione della Provincia di Cremona. Coinvolti nel litigio due studenti: un 20enne di origine marocchina, e un 19enne italiano. Tutto è partito da una domanda fatta da quest’ultimo all’insegnante, pochi minuti prima delle 11. Il 20enne.
Mancano pochi minuti alle 11 quando in classe il 20enne indirizza una frase al 19enne italiano, che aveva appena chiesto spiegazioni all’insegnante: «Che razza di domanda hai fatto?». Il 19enne, R. S., la prende male, si sente colpito nell’orgoglio. All’uscita dalla classe per l’intervallo dalle parole i due passano presto ai fatti. In pochi secondi il 19enne fa brillare una lama da boscaiolo di circa 8 cm con la quale colpisce il marocchino al gluteo sinistro. Poi scappa in cortile dove si libera dell’arma. Il marocchino è a terra, in corridoio inizia il caos. Il direttore generale dell’istituto Paola Brugnoli chiama i soccorsi e le forze dell’ordine. L’intervento è immediato: in pochi istanti sopraggiungono l’ambulanza assieme ai carabinieri ed alla squadra mobile della Questura di Cremona.
Mentre il 20enne ferito viene trasportato al Pronto soccorso, poliziotti e carabinieri hanno fatto scattare le manette per l’aggressore, un 18enne. Questi, stando alle prime ricostruzioni, si sarebbe portato da casa l’arma con la quale avrebbe aggredito il compagno. Successivamente poi avrebbe provato a liberarsi del coltello gettandolo via oltre il muro del cortile scolastico ma l’arma viene recuperata nel corso di accurate ricerche della polizia, titolare delle indagini. Contestualmente, gli agenti raccolgono parecchie testimonianze per ricostruire l’esatta dinamica del fatti. Pare che fra i due litiganti esistessero già da tempo alcuni precedenti che, nella giornata di ieri, sono sfociati nell’aggressione da parte del 19enne, nella quale fortunatamente non sono stati lesi organi vitali.
Il giovane ferito è stato infatti dimesso poco dopo dai medici con una prognosi di circa una settimana. Per il 19enne invece, oltre alla sospensione ed alla possibile futura espulsione dalla scuola, è scattata anche la denuncia per lesioni, aggravata dall’uso dell’arma da taglio.

Segnala questo articolo su