Calcioscommesse, oggi il deferimenti della procura Figc

+ 25
+ 19


alt
Sono 111 i club sfilati nelle ultime settimane negli uffici romani della Procura Figc, e, tra poche ore, il terremoto della giustizia sportiva potrebbe abbattersi su una trentina di club fra serie B e Lega Pro, assieme ad una cinquantina di tesserati. Perlomeno, la prima scossa. «Sappiamo che lavoriamo per tronconi – aveva dichiarato ieri  il presidente della Federcalcio Giancarlo Abete -. Questa è una fase in cui si opera sulla base della documentazione pervenuta dalla Procura della Repubblica di Cremona. Entro la metà del mese ci sarà la possibilità di avere la documentazione che viene dalla Procura di Bari, è l'auspicio forte da parte della Procura federale. Ciò attiverà un ulteriore iter».
Dunque al momento chi rischia? Senz’altro Atalanta e Novara, ora nella massima serie ma che all’epoca dei fatti si trovavano nella serie cadetta. Poi quasi mezza serie B, dove tremano una dozzina di club: Albinoleffe, Ascoli, Bari, Crotone, Grosseto, Livorno, Modena, Padova, Reggina, Torino, Verona e Varese. E lo spauracchio per le decisioni del pool guidato dal superprocuratore Stefano Palazzi proseguono in Lega Pro, dove la tensione è ormai palpabile per Cremonese, Frosinone, Mantova, Piacenza e Rimini. Proprio la classifica del campionato cadetto dunque rischia di essere completamente riscritta (nella giurisprudenza sportiva la pena deve essere afflittiva, quindi qualche club sarà penalizzato in questa stagione, mentre, per qualche altro che, ad esempio, è già retrocesso sul campo, inciderà sul punteggio del prossimo anno).
Il grosso dei club di Serie A, invece - compresi quelli citati dai supertesti Carlo Gervasoni e Filippo Carobbio dinanzi al pool di magistrati di Cremona guidati dal pm Di Martino (Lecce, Bari, Siena, Genoa, Chievo e Lazio) - dovrebbe slittare nel secondo troncone di inchiesta. Si aspetta il termine del campionato e, in ottica futura, si vuole evitare che il processo si sovrapponga mediaticamente agli Europei di calcio.

- SEGUONO AGGIORNAMENTI

Segnala questo articolo su