Vanoli Braga, che grande stagione

+ 11
+ 17


Meglio di così non si poteva chiudere la stagione della Vanoli Braga. Davanti a un pubblico numeroso, malgrado la posta in palio non fosse decisiva, la squadra di Caja ha voluto fortemente la vittoria contro la Benetton Treviso, che a sua volta non ha mai mollato. Anzi, con un parziale di 11-0 ha messo paura ai biancoblu, ancora una volta spinti al successo dalle magie di un superlativo Rich, il giocatore che ha cambiato il corso della stagione biancoblu. Dal suo (a fine gennaio), la Vanoli Braga ha vinto nove partite su tredici, un ruolino di marcia da playoff. Merito della società che lo ha scovato nel campionato belga, ma anche del coach Caja che è stato capace di esaltare le capacità realizzative dell’americano, al quale i compagni di squadra hanno sempre consegnato la palla nei momenti topici dei match. Come è accaduto proprio domenica scorsa. I due punti strappati a Treviso hanno permesso alla Vanoli Braga di classificarsi al decimo posto, miglior piazzamento in serie A della società ora presieduta da Aldo Vanoli. Queste le note positive, alle quali fanno da contraltare i rischi di vedere una realtà cestistica ormai consolidata, costretta a trasferirsi in un’altra provincia per motivi economici. Al momento è difficile ipotizzare il futuro, ma la sensazione è che la società le stia provando tutte per salvare il titolo sportivo e se l’unica soluzione è giocare a Montichiari, percorrerà questa opportunità. Del resto, dopo l’uscita di scena di Triboldi, la dirigenza ha fatto i salti mortali per garantire un futuro alla società e ci è riuscita alla grande, ma ora servono nuovi soci per continuare a crescere. Il pubblico di Cremona ha dimostrato anche domenica scorsa di meritare la serie A, ma se ama veramente i colori biancoblu, farà il sacrificio di seguire la squadra anche in territorio bresciano (sempre che vada in porto questa soluzione). Meglio fare qualche chilometro in più, piuttosto che veder sparire un patrimonio costruito con passione nel corso degli anni.

di Fabio Varesi

Segnala questo articolo su