Volley: l’Icos si gioca il primo match-ball

+ 22
+ 14


Icos Crema a un passo dal paradiso. Vincendo anche gara 2 al PalaBertoni, in modo più netto rispetto al match di Viadana, le violarosa si sono portate sul 2-0, diventando le grandi favorite per la storica promozione in A1, anche se la Pomì Casalmaggiore non è certo disposta a cedere le armi e domenica alle 18 a Viadana cercheranno in tutti i modi di riaprire la serie.
Del resto lo stesso Leo Barbieri, allenatore Icos Crema, predica cautela: «Sono contento per la bella partita giocata in gara 2, ma dobbiamo rimanere concentrati. Nei playoff ogni sfida è a sé, godiamoci la vittoria ma pensiamo subito alla prossima sfida. Mercoledì sera si è vista una bella pallavolo, il livello tecnico del gioco si è alzato. Dopo il primo set, le ragazze sono state brave a restare in partita, ma d’altronde in questa squadra c’è gente che non è al primo playoff» Sulla stessa lunghezza d’onda è Camillo Dosi, vice allenatore dell’Icos: «Siamo di fronte a una squadra che non molla mai, quindi non è finita. Mercoledì sera c’è stata un’ottima prestazione di tutte le ragazze, anche se nei momenti difficili dobbiamo aiutarci di più. Giocare in un palazzetto pieno è sempre bellissimo, complimenti anche a tutti i tifosi. Siamo consapevoli che domenica sarà un’altra battaglia, siamo avvantaggiati ma non sarà facile»
Naturalmente delusa è Daniela Nardini, centrale della Pomì: «E’ un peccato, perché abbiamo avuto la palla per andare al tie-break. Queste partite vanno giocate set dopo set, ma Crema è stata più determinata di noi. Adesso siamo sotto 2-0, è molto difficile ma sono fiduciosa per domenica visto che giochiamo in casa. Crema non ha ancora vinto niente!».
Malgrado lo 0-2, Gianfranco Milano (tecnico della Pomì) non si arrende: «Inutile negare che le nostre avversarie siano ad un passo dalla promozione, per noi domenica sarà una sorta di ultima spiaggia. Cercheremo di giocarci al meglio quest’ultima chance, i nostri tifosi meritano di vederci ancora in corsa e faremo il possibile per restarci».

dalla redazione

Segnala questo articolo su