Giro di carte di credito clonate stroncato dalla Polstrada cremonese. In manette un 29enne milanese: per riciclare il denaro acquistava "gratta e vinci"

+ 34
+ 32


Sette carte di credito clonate, documenti falsi e un arresto. E’ il bilancio delle indagini condotte dalla Polizia stradale di Cremona, guidata dal comandante provinciale Federica Deledda.
A finire in manette per detenzione di carte di credito clonate e falsi documenti d’identità è stato B.C., 29enne residente in provincia di Milano. Come delineato dal sovrintendente Marco Mannella, gli uomini sono riusciti a risalire al 29enne tramite un’accurata e minuziosa attività d’indagine, iniziata nel gennaio 2012. Le verifiche condotte dalla squadra di polizia giudiziaria sulle transazioni effettuate in parecchi autogrill dell’A21 hanno permesso di ricostruire l’attività illecita del milanese. Grazie ad un costante monitoraggio sulle carte di credito, nel mirino degli agenti sono finite in particolare alcune transazioni effettuate a gennaio sempre in orari notturni tra Piacenza, Cremona, Milano e Brescia con due American Express: pagamenti per un totale di 1.700 euro che, dalle indagini, sono risultati eseguiti all’insaputa dei legittimi proprietari delle carte, due cittadini americani. Poi a febbraio gli agenti intercettano altre transazioni sospette. L’analisi dei filmati, assieme al monitoraggio delle transazioni, è determinante per le indagini e permette ai poliziotti di identificare e rintracciare il 29enne. Scatta perciò la perquisizione domiciliare, autorizzata dalla Procura di Brescia, nell’abitazione del giovane, dove spuntano altre cinque carte di credito con bande rigenerate: ad esse cioè, era stata applicate bande magnetiche con diciture di altri circuiti di credito. Assieme ad esse, sotto sequestro è finita una carta d’identità valida per l’espatrio (composta da un documento contenente una sua foto ma con falso nome) con la quale il 29enne riusciva a dribblare momentaneamente eventuali sospetti dei negozianti al momento del pagamento. Le carte venivano utilizzate sempre per acquistare “gratta e vinci” da 20 euro. Perché? Semplice, spiega Mannella: per la lotteria istantanea la vincita è aleatoria ma immediata, come immediata, o quasi, è la consegna del contante, dando la possibilità di “riciclare” in fretta e comodamente il provento illecito da carte di credito clonate.

mi.sco.

Segnala questo articolo su