Giorni cruciali per la Vanoli Basket

+ 14
+ 13


Ormai il tempo per ricomporre il progetto a venire sulle sorti della Vanoli, sta per scadere. Presidente, dirigenti e soci sono tutti tesi alla ricerca della soluzione del rebus che, se risolto in tempo, porterà nuovamente il basket di massimo livello al PalaRadi. Altrimenti la saracinesca si abbasserà e dovremo dire addio al nostro prestigioso posto nell’elite nazionale. Sperando che la frana si fermi qui. Non drammatizziamo comunque, vuoi perché in molti si stanno dando da fare, vuoi perché i cremonesi stanno soccorrendo in buon numero la società tramite Futurbasket, che gestisce l'operazione “sottoscrizione popolare”.
A proposito di questa iniziativa, non possiamo che esprimere il nostro compiacimento per la medesima e manifestare la nostra soddisfazione, perché si sta verificando che molti commercianti, artigiani, piccoli o grandi imprenditori si stiano legando al progetto attraverso le facilitazioni e gli sconti che praticheranno ai possessori di azioni popolari, consentendo con questa mossa il parziale recupero delle somme che gli appassionati avranno versato nelle casse sociali. Insomma, oltre agli sconti sull’abbonamento per le partite, i “soci popolari” avranno l’opportunità di recuperare parte del versato attraverso i vari benefit proposti. Il “matrimonio” tra appassionati e tessuto imprenditoriale cittadinio non può che portare al crescere dell’interesse intorno all'iniziativa, il che può dare respiro maggiore alla stessa. Ciò non garantisce ovviamente il “fondo cassa” indispensabile al buon esito dell’operaione-salvataggio, ma indubbiamente è un segnale importante, sperando che anche chi ne ha le disponibilità, affianchi con un colpo d’ala finale il progetto che possa riconfermare la società in serie A. Questo l’auspicio di appassionati e sportivi cremonesi, nonché di Aldo Vanoli in prima persona.

NEWS: tra le tante bufale o i “si dice” di questi giorni, sembra invece che un movimento certo di mercato voglia Marco Cusin in viaggio da Pesaro verso Cantù. Si avverasse la notizia, saremmo particolarmente felici, perché Marco si è meritato la maglia della Nazionale e con lui abbiamo sognato al PalaRadi anche il volo della Vanoli verso le alte vette della nostra pallacanestro.
Il pezzo più pregiato del mercato di casa Italia pare però essere Hackett, che dicono in partenza da Pesaro, ma per ora non ancora accasato altrove. E l’interessamento generale per lui ben spiega la tanta qualità che c’è nel giocatore, del resto play della Nazionale. Noi cremonesi, per quel che riguarda il nostro “mercatino”, aspettiamo che si risolva il tutto e magari si possa sperare in qualche colpo a sensazione. Ma intanto, pensiamo... a salvare la pelle.

di Giovanni Zagni

Segnala questo articolo su