Cremo, riparte la caccia alla serie B

+ 28
+ 20


Entusiasmo ma anche equilibrio e coerenza. Con questi presupposti è partito ufficialmente lunedì il nuovo corso della Cremonese, con Maurizio Calcinoni nelle vesti di presidente e Moreno Zocchi come direttore sportivo. Insieme al nuovo operatore di mercato, collaboreranno sia Giancarlo Finardi che Carlo Taldo in qualità di capo degli osservatori. Il messaggio lanciato nella conferenza stampa ufficiale è stato chiaro: riparte la corsa alla serie B, valorizzando dapprima i papabili confermati del gruppo che ha lavorato con mister Brevi quest’anno, i giovani che ci sono in casa e proponendo ad eventuali rincalzi solo contratti annuali. Basta sperperi o regali. Questo, per lo meno, vorrebbe essere il buon proposito. Il primo tassello su cui lavoreranno i nuovi dirigenti rimane quello delle conferme. Fietta, Possanzini e Minelli sembrano avere la priorità tra i giocatori ancora privi di contratto.

Ufficiale, invece, l’addio a Manolo Pestrin, uno dei condottieri specie nella prima parte della stagione, uomo-simbolo del centrocampo grigiorosso, non più in sintonia con mister Brevi (come testimonia la bocciatura nella gara decisiva dei playoff). In realtà, la rinuncia a Pestrin dovrebbe prevedere la contestuale promozione di Lorenzo Degeri come cardine della mediana, reparto per il quale si lavorerà comunque per arrivare ad un elemento di spessore. Sempre in uscita, sembra prossimo all’addio Luca Nizzetto, spesso accantonato da Brevi, che potrebbe approdare al Cittadella. Niente rinnovo, infine, con molto rammarico per Giorgio Bianchi e Mario Tacchinardi, le ultime due bandiere presenti in rosa. Tra i nomi nuovi, continua a circolare quello di Correa per il centrocampo, mentre per il ruolo di portiere è spuntato il nome di Simone Aresti, 26 anni del Savona, salito alla ribalta per avere il vizio del gol. In difesa, si parla di un sondaggio di alcuni emissari grigiorossi per il polacco Adrian Liberacki, difensore mancino classe ’94 della Reggiana, in grado di ricoprire il ruolo sia di centrale che di terzino sinistro (qualora dovessero arrivare concretamente irrinunciabili per Favalli). Ecco, infine, il calendario grigiorosso: 12 luglio raduno al Centro Sportivo Arvedi; 12-13 luglio test fisici presso il Centro Sportivo Arvedi; 14-25 luglio ritiro a Folgaria; 25 luglio amichevole Cremonese-Chievo Verona; 5 agosto 1° turno Tim Cup; 8 agosto amichevole Cremonese- Atalanta (ad Azzano San Paolo, ore 16).

ISCRIZIONI: sono in tutto cinque le formazioni di Lega Pro che non hanno presentato la necessaria documentazione per l’iscrizione ai prossimi campionati di Prima e Seconda Divisione. Ricordiamo che il termine ultimo per iscriversi era fissato a sabato 30 giugno. Non vedremo più tra i professionisti Taranto e Giulianova, che avevano annunciato da tempo la propria rinuncia, la Triestina e il Piacenza, dichiarate fallite già da alcune settimane e purtroppo anche il Pergocrema, pure lui fallito e attualmente affidato al curatore fallimentare Claudio Boschiroli. Ma mentre Pia-cenza e Triestina non faranno più parte del mondo del calcio, almeno nella prossima stagione, Taranto, Giulianova e Per-gocrema dovrebbero ripartire dai dilettanti, dalla serie D oppure dall’Eccellenza. Meglio che niente...

di Matteo Volpi

Segnala questo articolo su