Cremo, manca un ultimo colpo

+ 15
+ 21


Più la saracinesca con Davide Moi. La Cremonese sistema la difesa con l’innesto del coriaceo difensore centrale cagliaritano, che già nei giorni scorsi ha raggiunto i compagni in ritiro. Moi arriva a costo zero dopo la non iscrizione del Siracusa, che ha di fatto messo tutti i giocatori sul mercato. Proprio per questo motivo, il giocatore era uno degli elementi più contesi della categoria e persino Cellino, presidente del Cagliari, aveva pensato a lui per riportarlo all’ovile ed utilizzarlo come preziosa merce di scambio con club di serie B. Moi andrà così a completare un pacchetto arretrato molto ben fornito e variegato, in cui troviamo già Minelli, Michele Cremonesi (che rientra dal lungo infortunio), Cangi, Visconti e il giovane Giorgi arrivato dal Piacenza. Nel frattempo, dal ritiro di Folgaria, dopo la sventagliata di reti alla selezione locale, è arrivato anche il buon pareggio contro la rappresentativa dei disoccupati. Tra le note più positive c’è senza dubbio Leandro Martinez, argentino in prova, che sta ben impressionando per doti tecniche e velocità. Il destino del trequartista ex AlbinoLeffe verrà comunque giudicato nei prossimi giorni, rientrati dal ritiro montano. Nel frattempo, oggi pomeriggio alle 17.30 ci sarà il test amichevole di chiusura-ritiro con il Chievo (che ha appena prelevato Rigoni del Novara, quello che alcuni in tribuna allo “Zini” qualche anno fa sostenevano fosse “scarsotto”…) e l’occasione sarà propizia per vedere all’opera nuovi schemi e gli ultimi arrivati (Moi in primis). Poi si tornerà a sudare in pianura. Per quanto concerne il mercato, invece, dopo l’annunciato addio al calcio di Davide Possanzini per i noti problemi cardiaci, la società sta scrutando l’orizzonte per poter mettere a disposizione di mister Brevi un “top player” di categoria in grado di far fare un ulteriore salto di qualità. In questo senso, nelle ultime ore, è tornato di moda il nome di Emanuele Berrettoni, esperto calciatore ex Lazio, Perugia e Bassano, ora in forza all’Hellas Verona, ma dato per sicuro partente dalla città scaligera. Nelle ultime ore, tuttavia, sembrano più le speranze del procuratore del giocatore di strappare un buon contratto sotto il Torrazzo che le reali intenzioni della Cremonese di trattare il giocatore, appetito comunque anche da alcuni club di serie B.
GIRONE Niente girone unico in Prima Divisione, come comunicato nei giorni scorsi dalla Lega Pro, ma due gironi da 18 squadre con taglio orizzontale. In attesa dei quattro ripescaggi (due per girone) ecco i due possibili raggiuppamenti: AlbinoLeffe, Como, Carpi, Cremonese, Cuneo, Feralpisalò, Lumezzane, Pavia, Pisa, Por-togruaro, Reggiana, San Marino, Südtirol, Treviso, Tritium, Vicenza (girone A), Andria, Avellino, Barletta, Benevento, Carrarese, Catanzaro, Frosinone, Gubbio, Latina, Nocerina, Paganese, Perugia, Prato, Sorrento, Trapani, Viareggio (girone B).

di Matteo Volpi

Segnala questo articolo su