E’ iniziata l’avventura della Pergolettese

+ 32
+ 31


L’avventura agonistica della Pergolettese è iniziata ufficialmente. Mister Roberto Venturato (nella foto) e gli altri componenti dello staff tecnico, sul rettangolo verde del “Polisportivo Bertolotti” stanno torchiando la truppa allestita dal general manager Cesare Fogliazza. E’ dunque iniziato il cammino che porterà la rosa cremasca a cimentarsi nell’ostico campionato nazionale dilettanti (serie D): Venturato, professionista serio che sa il fatto suo e conosce la materia, potrà contare su una squadra competitiva, con lui poi collabora un gruppo (nel quale eccelle il vice allenatore Marco Lucchi Tuelli) affiatato ed appassionato. Fogliazza, persona pragmatica, profondo conoscitore (uno dei suoi maestri è stato l’indimenticabile Erminio Favalli, ndr) di queste (e altre) latitudini calcistiche, lontano dalle luci della ribalta si è mosso e si sta muovendo assai bene, ma i suoi movimenti non si limitano soltanto al pur indispensabile allestimento di uno squadrone. Il buon Cesare sta infatti potenziando e disegnando la società. Nella stanza dei bottoni di viale De Gasperi, sotto forma di sponsor, oppure nelle vesti di dirigenti con portafoglio siederanno anche imprenditori e liberi professionisti cremaschi. Complice il periodo di ferie e vacanze l’organigramma del Pergo verrà probabilmente presentato a fine agosto, ma quel che conta è che il club è vivo e finalmente, dopo anni difficili, dietro alla prima squadra esiste un progetto degno di tale nome. E’ bene ricordare come, per anni, il Pizzighettone (sbarcato sulle rive del fiume Serio nostrane per alimentare il calcio che conta) sia stato un modello d’efficienza sportiva da elogiare ed imitare. E’ quindi un bene che il cosiddetto modello “Pizzi” oggi abbia preso le sembianze del maggiore team calcistico cittadino. Fortemente voluto dal ragionier Mario Macalli (presidente di Lega Pro, ma romantico cuore “cannibale”), vale a dire colui il quale ha regalato input preziosi per salvare l’intramontabile Pergolettese, salvo ripensamenti Marino Bussi (vanta un buon feeling con Macalli) tornerà a ricoprire il ruolo di team manager.
Insomma, in città la carne al fuoco è parecchia, il meccanismo (sotto lo sguardo attento, partecipe del consigliere regionale Agostino Alloni) è partito nel migliore dei modi. Anche e soprattutto per questo il redivivo “Pergoletto” merita fiducia ed applausi.

di Stefano Mauri

Segnala questo articolo su