Le Noci: «Dobbiamo raggiungere l’obiettivo»

+ 13
+ 13


Ben 17 reti in 31 presenze. E’ questo il bilancio della prima stagione alla Cremonese di Giuseppe Le Noci, ovvero l’attaccante grigiorosso che è diventato subito il capocannoniere della squadra. Acqui-stato a titolo definitivo in questa sessione di mercato estivo dalla società di via Persico, il bomber comasco è il protagonista dell’intervista di questa settimana.
Prima di tutto: contento di esser rimasto a Cremona?
«Assolutamente sì. Sono davvero felice di esser rimasto alla Cremonese».
Come è stata la prima stagione in grigiorosso?
«Direi abbastanza positiva. Dico abbastanza e non del tutto positiva in quanto alla fine siamo usciti dai playoff e non abbiamo portato a casa la promozione. Alla fine comunque abbiamo disputato un buon campionato. A livello personale è stata positiva, perché sono riuscito a giocare e a segnare tanti gol, ma ripeto, è un peccato che sia finita male».
Quali sono gli obiettivi della squadra per la stagione che è appna iniziata?
«Vogliamo far bene e proveremo a raggiungere quell’obiettivo che è da alcuni anni ci sfugge...».
E a livello personale?
«Voglio dare un contributo importante. Spero di giocare il più possibile per dare tutto affinché si raggiunga l’obiettivo comune a tutta la squadra».
Di recente Possanzini ha dovuto lasciare il calcio per problemi di salute: qual’è stata la tua reazione?
«Mi è dispiaciuto parecchio. Possanzini ha dovuto rinunciare alla sua passione per un problema fisico e questo, quando accade, non è mai bello. La cosa più importante, comunque, è che possa risolvere il suo problema di salute anche se dispiace moltissimo per il calciatore».
Da pochi mesi è scomparsa una società in cui tu hai militato per due stagioni, il Pergocrema. Cosa ne pensi?
«Sono rammaricato per la scomparsa del Pergo in quanto a Crema sono stato bene e ho fatto buone stagioni, anche se devo sottolineare che della società   nella quale militavo non è più rimasto nessuno ed è cambiata completamente».
Come è andato il ritiro estivo a Folgaria?
«E’ stato fatto un buon ritiro, nel quale si è lavorato bene per prepararci al meglio ed esser pronto per l’inizio del campionato di Prima Divisione».
E dalle recenti amichevoli, quali sensazioni sono emerse?
«Le amichevoli fin qui disputate sono stati dei buoni test, anche se rappresentano pur sempre il calcio d’estate. Penso comunque che la squadra stia ancora crescendo e la speranza è che sia chi è di recente arrivato a Cremona, sia chi prossimamente arriverà, possa essere di grande aiuto per raggiungere l’obiettivo dichiarato della stagione».

di Federico Contini

Segnala questo articolo su