Pergolettese a caccia del tris per sognare

+ 19
+ 20


Questo Pergo, o meglio questa Pergolettese merita sempre il pubblico delle migliori occasioni, tanti sinceri applausi e una bella festa per i suoi prossimi 80 anni (auguri). Prima di parlare della stretta attualità “canarina”, un salto indietro virtuale nel tempo è quantomeno doveroso. In questi giorni si fa un gran parlare del cosiddetto affair (per carità, eticamente discutibile) “Macalli – marchi”, ma perché nessuno si sofferma invece su quanto l’illustre vicepresidente federale, dichiarò più o meno un anno fa? Eh sì, all’epoca, quando tutti (in primis quella parte politica che oggi fa populismo) applaudivano l’ex presidente Sergio Briganti (braccio operativo della “mente” Ciro Di Pietro) discorrendo di stadi nuovi e serie B, il ragionier Macalli se ne andava in giro dicendo: «Vigilerò affinché il football a Crema viva». Perché allora nessuno approfondì tali dichiarazioni? Ciò detto, congratulazioni al sodalizio gialloblu pensato dal deus ex machina Cesare Fogliazza (personaggio straordinario) e sostenuto dagli euro di imprenditori (Fogliazza compreso) generosi, tra i quali Massimiliano Marinelli. Se da un lato è accertato che il “pianeta calcio” non è più terra di mecenati, d’altro canto è doveroso sottolineare che nella Crema calcistica più gettonata sono tornate ad operare le persone giuste. Reduci da due vittorie consecutive ed entusiasmanti (sulla Castellana di misura e sul Lecco per 2-0 nel turno infrasettimanale), i ragazzi terribili allenati da mister Roberto Venturato (lui e il suo staff meriterebbero di lavorare quantomeno in serie B), domenica al Voltini (ci vorrebbe una magnifica cornice di pubblico, trattasi di big-match) incroceranno i tacchetti con l’agguerrita compagine orobica del Pontisola. E per l’occasione serviranno occhi da tigre. Già, ma quali sono sulla carta le avversarie più temibili della Pergolettese? Mah! Fare pronostici è sempre difficile, fermo restando la buona partenza della Caronnese, dello stesso Pontisola e dell’Olginatese (meteore o solide realtà?), le rivali del team cannibale dovrebbero essere Voghera, Pro Sesto, Montichiari e Seregno. Torneo lungo, denso di insidie e dilettantistico esclusivamente nella denominazione, il Cnd non ammette distrazioni.   

di Stefano Mauri

CLASSIFICA (3ª giornata): Olginatese, Pontisola, Insubria Caronnese 9; Pro Sesto, Voghera, Montichiari, Pergolettese 7; Perginese 5; Seriate, Sant’Angelo, Mezzocorona, Seregno 3; Caravaggio 2; Darfo Boario, MapelloBonate , Alzano Cene, Lecco, Castellana 1; Trento 0.

Segnala questo articolo su