Cremo, si volta ancora pagina

+ 17
+ 21


Si volta pagina… per l’ennesima volta. Nella mattinata di ieri la Cremonese ha dato il “benservito” ad Oscar Brevi (e al suo secondo Carlo Garavaglia) puntando all’ennesimo cambio in panchina dell’era Arvedi. La realtà dei fatti è che da tempo ormai la piazza e la proprietà sopportavano a fatica il tecnico milanese…vuoi per questioni tecniche, vuoi per questioni caratteriali. I cinque punti conquistati nelle prime quattro gare, non sono stati sufficienti e l’epilogo è stato tanto inevitabile quanto assurdo. Viene da chiedersi: valeva la pena confermare il tecnico? Dopo la delusione per il finale di stagione scorso, si pensava che la conferma di Brevi fosse principalmente motivata dalla legittima volontà di dare una certa continuità ad un gruppo del quale, però, in estate è rimasto ben poco. Sta di fatto che l’ambiente grigiorosso non ha mai digerito il tecnico milanese, così impopolare e a tratti strafottente negli atteggiamenti e la vox populi ha preso il sopravvento. Il nuovo tecnico è Giuseppe Scienza, che ieri ha diretto il primo allenamento e oggi pomeriggio sarà presentato ufficialmente. L’ex tecnico del Brescia, 46 anni nei prossimi giorni e originario di Domodossola, chiusa la carriera di giocatore al termine della stagione 2001-2002, ha intrapreso il cammino da allenatore guidando alcune squadre giovanili di Pro Patria, Novara e Torino (di cui è stato bandiera). Nell’estate 2009 l’esordio alla guida di una prima squadra, il Legnano (Seconda Divisione), portato fino alla finale playoff, a seguire la salvezza ai play-out sulla panchina dell'Esperia Viareggio (Prima Divisione), per terminare con la negativa esperienza di Brescia, durata solo pochi mesi, con una squadra infarcita di giovani, che ad inizio stagione sembravano incantare un po’ tutti gli addetti ai lavori. Poi il brutto filotto con ben 13 gare senza vincere, al termine del quale ci fu l’esonero, condito dal saluto affettuoso di una piazza che, pur senza ottenere i risultati sperati aveva apprezzato il lavoro

di Matteo Volpi

Segnala questo articolo su