La Pergolettese chiede strada al Darfo Boario

+ 28
+ 26


Reduce dal pirotecnico pareggio nel derby contro il blasonato Sant’Angelo (un rocambolesco 2-2 d’altri tempi), la Pergolettese che domenica al Voltini attende al varco l’ostico Darfo Boario (nella trionfale stagione agonistica 2001-2002, la compagine camuna, al Pergo di Maurizio Lucchetti strappò, nella finalissima di Iseo la Coppa Lombardia, ndr) fa parlare ancora del suo passato. E forse ha ragione il consigliere comunale e regionale Agostino Alloni: carte in mano, con il ragionier Mario Macalli (patron della Lega Pro e titolare dei cosiddetti “marchi” canarini), con Cesare Fogliazza (pragmatico deus ex machina del nuovo sodalizio), con Maurizio Borghetti (ex assessore allo Sport), con Simone Beretta (consigliere comunale Pdl), con Walter Della Frera (consigliere comunale) e con tutta la tifoseria bisognerebbe organizzare un incontro, un dibattito aperto per chiarire, una volta per tutte, che il doloroso fallimento dell’Us Pergocrema e il relativo sbarco del Pizzighettone con relativa categoria agonistica (Cnd), è stata e resta l’unica via percorribile per garantire un team calcistico degno di tale nome sulle rive cremasche del fiume Serio. Una determinata parte politica (quella riconducibile all’ex maggioranza), sul Pergo continua a fare demagogia e questo non è bello: adesso bisognerebbe guardare avanti e dotare la città di nuove strutture (anche per questo, l’affaire “calciotto” andava trattato diversamente) sostenendo, perché no, il progetto Pergolettese quale capofila agonistico per Crema e il Cremasco. Intanto, l’imprenditore autoctono Massimiliano Marinelli (guida la cosiddetta cordata cremasca, un gruppo che dovrebbe ospitare, tra gli altri, nelle vesti di dirigenti o sponsor, personalità del calibro di Luca Ferla, Moretti e Francesco Barbaglio), presumibilmente per questioni burocratiche e tecniche, ufficialmente non è ancora stato nominato presidente del sodalizio di viale De Gasperi. Ciò detto, domenica tutti al Voltini, i gialloblù allenati da Roberto Venturato (professionista coi fiocchi che qualcuno, nella Cremona grigiorossa rimpiange) sfidano il Darfo: il pubblico delle migliori occasioni non gusterebbe affatto. Tutt’altro.   
CLASSIFICA (5ª giornata) Caronnese 15; Pergolettese, Olginatese 11; Voghera, Pontisola 10; Pro Sesto, Perginese 8; Montichiari 7; Mezzocorona 6; Seregno, MapelloBonate, Castellana, Seriate, Darfo Boario 5; St. Georgen, Sant’Angelo, Lecco 4; Caravaggio 3; Alzano Cene 2; Trento 1.

di Stefano Mauri

Segnala questo articolo su