Cremo senza alternativa alla vittoria

+ 18
+ 14


Vincere. Altro non è contemplato. La Cremonese si prepara ad ospitare il Treviso con l’ansia di chi sa di non avere più bonus possibili. Contro una delle formazioni peggiori del girone, i ragazzi di mister Scienza saranno sostanzialmente costretti ad ottenere i tre punti. I trevigiani, infatti, fermi a due punti in classifica, sono reduci da due pareggi consecutivi (contro AlbinoLeffe e Portogruaro) dopo però aver perso le prime quattro di campionato. I grigiorossi, per contro, sono fermi ad una sola vittoria in campionato: troppo poco per una squadra che puntava (imperfetto d’obbligo a questo punto) ad un campionato di vertice. In settimana, ennesimo sforzo della società, che ha ingaggiato Antonino Bonvissuto, centravanti classe ’85 dal fisico possente, attualmente svincolato dopo un lungo girovagare in serie C e B. Senza dubbio non un bomber, ma comunque un buon pivot di scorta in grado di poter dare una mano vista l’assenza di Djuric. Restano da valutare le condizioni fisiche, essendo reduce da un fastidioso infortunio. Quanto a domenica, oltre ai lungodegenti Djuric, Riva, Baiocco e Minelli, dovrebbe essere out anche Moi. In difesa pertanto, probabile conferma per la coppia centrale formata da Cremonesi e Tedeschi con il ballottaggio tra Armenise (che rientra dalla squalifica) e Visconti (che bene ha fatto a Cuneo) sulla fascia sinistra. A centrocampo, dopo la bella prestazione con gol con la Rappresentativa giovanile nazionale, ci auguriamo di poter vedere all’opera il giovane Lorenzo Degeri, magari in cabina di regìa al fianco di Buchel e capitan Fietta, che peraltro sarà il grande ex di turno, essendo cresciuto nel Treviso ed avendovi disputato anche l’ultima stagione di serie B della sua carriera. In avanti, infine, scelte che appaiono piuttosto obbligate con il ballottaggio tra Martinez e Nizzetto.

PROBABILE FORMAZIONE (4-3-3): Alfonso; Cangi, Cremonesi, Tedeschi, Armenise; Fietta, Degeri, Buchel; Nizzetto, Marotta, Le Noci. All.: Scienza.

di Matteo Volpi

Segnala questo articolo su