Al Teatro Ponchielli si alza il sipario sulla stagione della lirica con la Tosca

+ 28
+ 25


Mercoledì 17 ottobre alle ore 20.30 il Teatro Ponchielli alza il sipario sulla stagione Lirica 2012-13. L’inaugurazione della stagione è affidata alla “Tosca”, melodramma in tre atti, su libretto di G. Giacosa e L. Illica, tratto dal dramma omonimo di Victorien Sardou e musicato da Giacomo Puccini. “Tosca” è certamente una delle opere più celebri di Puccini. Eppure, forse non tutti sanno che il compositore lucchese avrebbe potuto non musicarla mai: la prima stesura del libretto, predisposto da Illica, fu infatti affidata ad Alberto Franchetti (1860-1942), che tuttavia rinunciò al progetto. Puccini, che da tempo pensava al dramma di Sardou, dopo averlo visto a Milano interpretato da Sarah Bernhardt, si “appropriò” volentieri dei diritti, pur dovendo vincere le riserve dello stesso Sardou, che avrebbe preferito vedere il suo dramma musicato da Verdi, interessato anch’egli al libretto di Illica. Ricca di effetti scenici a forti tinte, di particolari realistici, di passioni elementari espresse da motivi energici e melodie impetuose, non fu mai accettata senza riserve dalla critica; ciò non toglie che sia tra le più rappresentative e popolari del repertorio verista e che i due protagonisti, col calore sensuale e la giovane vitalità emanati da arie e duetti famosi, abbiano un'immediata presa sul pubblico. Il successo di questo capolavoro fu confermato dalle 43 rappresentazioni, in Italia e all’estero, che seguirono subito dopo la prima a Roma nel 1900. Sul palco del Ponchielli debutta Giampaolo Bisanti, giovane direttore dalla carriera già avviata; mentre viene confermata, anche quest’anno, la presenza della regista Elena Barbalich, che grande successo ha ottenuto la scorsa stagione con “Il cappello di paglia di Firenze”. Nel cast il debutto nel circuito del soprano albanese Mirjam Tola (Tosca), accanto a Rubens Pelizzari, che ha fatto di Cavaradossi uno dei suoi cavalli di battaglia e a Leonardo Lopez Linares, baritono argentino che ha già interpretato il Barone Scarpia al Teatro Colón di Buenos Aires. L’opera viene replicata venerdì 19 ottobre (ore 20.30) e domenica 21 ottobre alle 15.30.

di Federica Ermete

Segnala questo articolo su