Volley: l’Icos è pronta per lo storico esordio

+ 23
+ 13


Per l’Icos Crema è arrivato il momento fatidico dell’esordio nel primo campionato di serie A1 della sua storia. Sin dalla difficile trasferta di domani a Piacenza con la Rebecchi, le violarosa si affidano alle mani e al carattere di Ludovica Dalia (nella foto), palleggiatrice romana classe 1984 e nuovo capitano. La Dalia in questi mesi di allenamento a Crema, ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per guidare la squadra nel massimo campionato, sia dal punto di vista tecnico che caratteriale: insomma, ha la giusta personalità per essere una leader. «La voglia di giocare è tanta - ha rivelato - ci stiamo allenando dal 20 di agosto in vista della Coppa Italia, che poi è saltata; quindi non vediamo l’ora di misurarci in gare ufficiali con le altre squadre. Abbiamo fatto tante amichevoli, ma quando ci sono i punti in palio la cosa è diversa. In palestra ci stiamo allenando bene, il ritmo è alto e la concentrazione è tanta. Stiamo ovviamente ancora studiando Pia-cenza, la nostra prima avversaria, ma posso dire che siamo pronte: l’entusiasmo che vedo è quello giusto».
1ª GIORNATA: Busto Arsizio-Giaveno, Bologna-Villa Cortese, Urbino-Conegliano, Piacenza-Icos Crema, Modena-Pesaro-Chieri-Bergamo.

SERIE A2 Il successo sul campo della Sigel Marsala ha rappresentato per la Pomì Casalmaggiore una bella boccata d’ossigeno dopo la sconfitta dell’esordio con San Casciano ed ha riportato ottimismo e serenità in tutto l’ambiente. Il clima ideale per preparare al meglio la gara casalinga di domani alle 18 con la Puntotel Sala Consilina dell’ex Chiara Masotti. «Contro le siciliane - ha rivelato il vice presidente Paolo Borelli - la Pomì ha palesato una caratteristica importante per aspirare al vertice: il carattere e quella voglia di lottare che con San Casciano avevano fatto difetto e che devono sempre accompagnare lo svolgersi dell’attività agonistica, anche nelle formazioni che dispongono di un tasso qualitativamente superiore a quello delle avversarie». Il successo può aver contribuito a sbloccare la squadra? «Ogni partita è preparata al meglio, quindi è un test continuo, non si può e non si deve sottovalutare o sovrastimare nessun avversario. Quello che serve, oltre alla ricerca della perfezione dei meccanismi di gioco, è la voglia di far bene che la squadra deve trovare univocamente. La Pomì non è né malata e né guarita, sta prendendo consapevolezza delle proprie potenzialità, ora con ancora più ragione ed umiltà».
3ª GIORNATA: Pavia-Marsala, Pomì Casalmaggiore-Sala Consilina, Soverato-Fontanellato, Novara-San Casciano, San Vito-Ornavasso, Cadelbosco-Mazzano, Montichiari-Frosinone.    
CLASSIFICA: San Casciano 6; Novara, Frosinone, Montichiari 5; Ornavasso, Mazzano 4; Pomì Casalmaggiore 3; Crovegli, Pavia, Fontanellato, Sala Consilina, San Vito 2; Marsala, Soverato 0.

Segnala questo articolo su