La Pergolettese comincia a pensare in grande

+ 30
+ 22


E’ una Pergolettese lanciata verso la Seconda Divisione (lo sa pure la capolista Caronnese), quella che domenica farà visita all’ostico Caravaggio. Tra l’altro per l’occasione, i tifosi della “Curva Sud Nichetti”, proprio come ai tempi d’oro, parteciperanno alla trasferta viaggiando in treno, con ritrovo alla stazione ferroviaria cittadina alle ore 12. E’ insomma un Pergo che piace, vince, coinvolge e convince sempre più quello allenato dal buon Roberto Venturato (voto 9 al mister). Nell’ultimo turno, superando di misura (1-0 risicato, ma giusto) la Perginese: Steni (voto 9 al portierone pararigori) e soci hanno dimostrato di possedere nel dna, i cromosomi dei calciatori rock da grande squadra. Cesare Fogliazza, vale a dire il general manager, o meglio il deus ex machina del cosiddetto progetto Pergolettese, sin qui si è disimpegnato assai bene, mostrando di avere tutte le doti del dirigente di vertice. Lui e il ragionier Mario Macalli (presidente di Lega Pro e “cannibale” nel cuore e di formazione calcistica) “favorendo” il trasferimento del Pizzighettone a Crema per rilanciare il football gialloblu, senza dubbio si sono mostrati calciofili lungimiranti e coraggiosi. Vedremo se il loro disegno (la carne al fuoco è molta e succulenta) sarà premiato nel medio-lungo periodo. Nei giorni scorsi, la corte d’appello di Brescia ha respinto il ricorso, contro il fallimento (triste, ma inevitabile epilogo di due anni di mala gestione societaria) presentato dal signor Ernesto Rimonti, il misterioso acquirente che nello scorso mese di luglio avrebbe provato ad acquistare il Pergocrema (poi fallito) da Sergio Briganti. Insomma, questo grigio capitolo della comunque luminosa storia gialloblu, una leggenda lunga 80 anni, fa ancora discutere e sarà così a lungo, indipendentemente dai risultati positivi che i ragazzi Venturato conquisteranno, o meno, sul campo: questo è poco ma sicuro. Tornando alla stretta attualità calcistica, domenica sarebbe bello se Caravaggio, sportivamente parlando ovviamente, venisse preso d’assalto dalla torcida canarina. Intanto, mentre la porta per eventuali nuovi soci è apertissima, l’ufficializzazione dell’organigramma societario, che vedrebbe l’imprenditore Massimiliano Marinelli nelle vesti di presidente, nomina annunciata pubblicamente più volte, è slittata nuovamente.       
CLASSIFICA: Caronnese 22; Pergolettese 20; Pontisola 17; Olginatese 16; Voghera 13; Seregno, Pro Sesto 11; Montichiari 10; Aurora Seriate, Lecco, Darfo Boario, Mezzocorona, Caravaggio 9; Castellana, Fersina Perginese, St. Georgen 8; Mapellobonate, Alzano Cene 7; Sant'Angelo 1907 5, Trento 4.

di Stefano Mauri

Segnala questo articolo su