La Vanoli mostra segnali di Vitali(tà)

+ 21
+ 17


Ci sono partite che non si possono proprio sbagliare, pena compromettere la stagione. La Vanoli sapeva bene che contro Avellino doveva dare una svolta al suo deludente avvio di campionato e con grande determinazione ha dominato la Sidigas Avellino, dimostrando di poter competere nel massimo campionato di basket. Rispetto alla negativa prestazione di Brindisi, la squadra ha giocato più di squadra e i risultati si sono visti. In particolare, nella seconda parte del match è cresciuto Luca Vitali, che ha preso per mano la squadra e con personalità ha spento le velleità di rimonta degli irpini. Coach Caja pretende dal bolognese un maggior minutaggio ad alto livello ed ha ragione, ma diamo tempo all’ex giocatore della Virtus di raggiungere la miglior condizione, per mostrare finalmente tutto il suo talento. Bene anche i due finlandesi Huff e Kotti (n particolare il secondo), senza dimenticare la crescita di Johnson e Stipanovic, molto utili nell’ultimo quarto. Ma l’arma in più di questa Vanoli è Lance Harris, cecchino infallibile, che contro Avellino ha segnato 30 punti, confermandosi il degno sostituto di Jason Rich. Insomma, non mancano motivi per essere ottimisti, anche se la strada che porta alla salvezza è lunga è tortuosa, a cominciare dalla trasferta di Ancona contro Monte-granato. Caja e i suoi ragazzi hanno però mostrato di avere le carte in regola per centrare l’obiettivo.

di Fabio Varesi

Segnala questo articolo su