Serie D: la Pergolettese prova subito a rialzarsi

+ 21
+ 11


Perdere di misura, su un campo difficile come  quello di Caravaggio (1-0), contro avversari ostici e ben allenati da quel volpone di mister Roberto Crotti, tutto sommato ci sta. Sarà un fisiologico, salutare ko?
Detto che non bisogna fare inutili drammi per la primissima battuta d’arresto stagionale, scopriremo già domani quando, alle ore 14.30 allo stadio Giuseppe Voltini di Crema arriverà l’ostica compagine del San Giorgio, se la debacle contro gli orobici di sei giorni fa ha lasciato scorie o meno;  sulla carta il match col St. Georgen (otto punti in graduatoria), per la truppa cremasca non dovrebbe rivelare particolari problemi, ma è pur sempre meglio non sottovalutare il prossimo avversario, anche perché la serie D è un torneo duro, lungo e denso di colpi di scena. Il Pergo allenato da mister Roberto Venturato, opposto a squadre che si chiudono e badano soprattutto a difendersi, fatica assai, per questo sfide apparentemente abbordabili, potrebbero riservare grattacapi antipatici. Venturato (tecnico preparato e persona seria), il suo staff e i ragazzi, in settimana sul campo hanno lavorato sodo, ergo domnial Voltini (sarebbe bello se lo stadio, indipendentemente dalle condizioni climatiche fosse pieno di tifo, passione e pathos) ci sarà da divertirsi. Intanto la capolista  (non per caso) Caronnese prosegue la sua marcia trionfale e nel prossimo turno incrocerà i tacchetti proprio con il Caravaggio di trainer Crotti, mentre il Pontisola farà visita al malinconico Trento. I cremaschi inoltre, nella corsa al vertice dovranno prestare molta attenzione pure all’Olginatese dell’ex illustre Alessio Delpiano, al Voghera e soprattutto al redivivo Lecco, che nei giorni scorsi ha trovato un nuovo, ambizioso corso societario. Salvo sorprese, quindi, a giocarsi il posto al sole in Lega Pro saranno Pergo, Caronnese, Lecco, Voghera, Pontisola, Olginatese e Pro Sesto (nobile decaduta). E tra queste fantastiche sette sorelle, la Pergolettese (a novembre compirà ottant’anni) non sfigura affatto, tutt’altro.            

CLASSIFICA: Caronnese 22; Pergolettese 20; Pontisola 17; Olginatese 16; Voghera 13; Seregno, Pro Sesto 11; Montichiari 10; Aurora Seriate, Lecco, Darfo Boario, Mezzocorona, Caravaggio 9; Castellana, Fersina Perginese, St. Georgen 8; Mapellobonate, Alzano Cene 7; Sant'Angelo 1907 5, Trento 4.

di Stefano Mauri

Segnala questo articolo su