«Chi controlla la banca fratello?». Omaggio a Ezra Pound sui muri d'Italia

+ 25
+ 21


CasaPound Italia celebra l’attualità del pensiero poundiano con striscioni in 40 città

Cremona
Omaggio a Ezra Pound sul cavalcavia che collega via Dante al cimitero Monumentale, così come su muri e cavalcavia di tutta Italia: striscioni con la scritta “Chi controlla la banca, fratello?” e la firma “Ezra Pound (1885-1972)” sono comparsi questa mattina nelle strade di una quarantina di città dal nord al sud del paese. Così CasaPound Italia ha voluto ricordare il grande poeta americano a 40 anni dalla scomparsa. «Non una commemorazione mortuaria – si legge in una nota - ma la celebrazione dell’attualità del pensiero di chi, già negli anni ’30, seppe decrittare il meccanismo della speculazione finanziaria e mettere in guardia la società dal pericolo dell’usurocrazia. Un profetico, inquietante interrogativo, quel suo ‘Chi controlla la banca, fratello?’ che oggi, nell’epoca dei tecnocrati al potere, sembra essere più attuale che mai».

Segnala questo articolo su