La Vanoli prova a calare il tris

+ 15
+ 13


Una disattenzione (contatto accidentale tra Harris e Johnson, con conseguente palla persa) ha rischiato di mandare in fumo le speranze cremonesi sul parquet di Ancona, campo di gara della Sutor Montegranaro, al termine di una contesa abbondantemente dominata e meritatamente vinta nel supplementare (74-80). Una gara dall’importanza enorme sia psicologicamente che, in soldoni, per la classifica, al cospetto di una avversaria di pari qualità. Ad Ancona s’è vista una ottima Vanoli sia in attacco che in difesa, purtroppo carente in precisione sia in azione che a gioco fermo sulla linea del tiro libero. Peccato, perchè ai punti, la Vanoli avrebbe meritato di far suo alla grande il match. Ma nel basket se non la butti mai dentro rischi, come si è effettivamente  rischiato. Comunque abbiamo visto un gruppo in salute, voglioso di far bene per confermarsi dopo il brillante successo su Avellino, con un Johnson monumentale a condurre i compagni in attacco e grintosissimo in difesa, ben coadiuvato da Kotti sotto i tabelloni. Non si è fatto lesinare consensi nemmeno Harris, frenato da un problema muscolare, così come utilissimi sono parsi Stipanovic, Jackson, Ruini e Huff. Vitali, rispetto ad una settimana fa, ci pare abbia fatto un passo indietro. Ora la società ha deciso il taglio di Porzingis, che per diverse ragioni non si era integrato nel gruppo. Già da domani al PalaRadi potrebbe sedere in panchina Hrvoje Peric, ala grande croata di 27 anni, con un passato di tutto rispetto anche a livello Europeo. Dicono i suoi estimatori si un gran combattente e dalle buone percentuali offensive. Un ulteriore sforzo economico di una società che vuol provarle tutte per cercare la riconferma in questo campionato per certi versi imprevedibile nei risultati (Reggio Emilia che vince a Milano!). Aspettiamo di vedere come si comporteranno i nostri eroi contro una “semi grande” del campionato, l’Acea Roma che vedremo domani alle 18.15 al PalaRadi, forte di qualche giocatore di eccellente livello come Gigi Datome, consacrato campione nelle recentissime qualificazioni per l’Europeo dell’anno prossimo. Con lui la guardia Phil Goss, statunitense come il play Taylor e l’ala Jones, nonché il centro nigeriano Lawal ed il polacco Czyz. Gran minutaggio tra gli uomini di coach Calvani sta ottenendo con merito Lorenzo D'Ercole, ex della  Vanoli. Da osservare con interesse, tra i sostituti, l'ungherese Lorant ala grande di 206 centimetri e 110 kg di peso. Insomma, una squadra con ottime possibilità di ottenere eccellenti risultati subito, alle spalle delle tre grandi Milano, Siena e Cantù, o forse in grado di inserirsi da “quarto incomodo”. Naturalmente la tifoseria, “gasata” dai recenti progressi degli uomini di Caja, non mancherà l’appuntamento, perché non ci si può accontentare mai e chissà che non possa scapparci una piacevole sorpresa.

di Giovanni Zagni


6ª GIORNATA: Bologna-Biella, Cantù-Avellino, Caserta-Varese, Cremona-Roma, Sassari-Brindisi, Reggio Emilia-Pesaro, Siena-Milano, Venezia-Montegranaro.

CLASSIFICA: Varese, Sassari 10; Siena 8; Cantù, Bologna, Roma 6; Pesaro, Reggio Emilia, Avellino, Cremona, Venezia, Caserta, Milano 4; Montegranaro, Brindisi, Biella 2.

Segnala questo articolo su