Vanoli, è stata solo una giornata storta

+ 22
+ 20


Non sono bastate le prestazioni super di Kotti e Jackson per battere un’Acea Roma cinica e spietata, soprattutto nel momento decisivo del match, ovvero quando la Vanoli ha prodotto l’ultimo sforzi per rimettere in piedi una sfida rimasta sempre  saldamente nelle mani dei capitolini. Troppo lacunose le prove di Vitali, Huff e Harris (ripresosi solo nell’ultimo quarto) per sperare di arginare il gioco di squadra di Roma, trascinata da Goss e  Datome, ma che ha trovati punti importanti con Taylor e Czyz. Pec-cato, perché sarebbe bastato poco per mettere le mani sulla vittoria, che sarebbe stata la terza di fila, importantissima prima di due match proibitivi come quelli contro Cantù e Milano. Ma anche in una giornata negativa, è possibile guardare il bicchiere mezzo pieno: l’ultimo arrivato Peric ha confermato di essere un buon giocatore e una volta raggiunta la miglior condizione atletica, risulterà molto utile alla causa biancoblu. E poi annotiamo la crescita esponenziale di Kotti e Jackson, in attesa che anche Johnson, Huff e soprattutto Vitali diano un sostanzioso contributo alla squadra. Proprio il play bolognese ha parecchio deluso contro Roma ed è stato sonoramente fischiato dai tifosi biancoblu. Fischi che non sono piaciuti a coach Caja, che nel dopo partita ha difeso il proprio giocatore: «Non è l’unico a non aver giocato bene. E poi fischiare un giocatore non è sicuramente il modo migliore per aiutare la squadra».

di Fabio Varesi

Segnala questo articolo su