Robecco - Eroina negli slip, arrestato dai carabinieri

+ 22
+ 19


34enne in manette a Robecco d'Oglio. La moglie ha ingoiato alcune dosi per nasconderle

Cinque dosi di eroina e un arresto. E’ il bilancio dell’intervento condotto nei giorni scorsi dai carabinieri di Robecco d’Oglio, guidati dal maresciallo Mauro Veronese. A finire in manette è stato S.V., 34enne cittadino indiano. Il tutto è partito da alcune segnalazioni pervenute ai militari, relative a movimenti sospetti del 34enne e a suoi frequenti contatti con alcuni soggetti della zona dediti all’uso di droghe. Sono scattate le indagini, che hanno permesso ai carabinieri di notare come il 34enne uscisse sempre negli stessi orari (dalle 15 alle 17 circa), sempre in bicicletta e frequentando sempre le stesse zone (via Europa e la Statale 45). Infine lunedì pomeriggio i carabinieri sono entrati in azione: hanno intercettato l’uomo a bordo della sua bicicletta intimandogli l’alt. Dopo una breve perquisizione sul posto, per il 34enne è scattato il trasporto in caserma, dove, dopo una seconda perquisizione, dagli slip sono spuntate 5 dosi di eroina già confezionate, per un valore di circa 200 euro. Immediatamente si è svolta anche la perquisizione domiciliare. Nella casa del 34enne i militari hanno rinvenuto altre due o tre dosi della stessa sostanza, oltre a quattro flaconcini di metadone detenuti illegalmente (un oppioide sintetico con effetti simili all’eroina ed alla morfina, classificato come sostanza stupefacente). All’arrivo dei militari la moglie, forse in preda al panico, ha ingerito le dosi di eroina conservate in casa. Fortunatamente, l’azione del maresciallo Veronese è riuscita a fargliele espellere, scongiurando così gravi conseguenze per la salute della donna. I dettagli dell’intervento sono stati illustrati ieri pomeriggio nella sala stampa del comando di viale Trento e Trieste dal capitano della compagnia di Cremona Livio Propato assieme al maresciallo Veronese, il quale non ha mancato di ringraziare i cittadini di Robecco per la segnalazione: «La collaborazione dei cittadini è fondamentale per la nostra attività - ha sottolineato - invitiamo la cittadinanza a segnalarci sempre situazioni e casi sospetti per poter intervenire in maniera ancor più incisiva».

di Michele Scolari
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Segnala questo articolo su