Ciclismo: Alessio Brugna cerca gloria con l’Otelli Caseifici Zani

+ 32
+ 34


Alessio Brugna, figlio d’arte e velocista di Rivolta d’Adda, ha fatto piccoli passi quest’anno tra gli Junior e ora vuole crescere e riscattarsi con la società bresciana della Otelli Caseifici Zani di Sarezzo. Alberto Bombelli, campione provinciale Esordienti del 2° anno, puledrino dell’Imbalplast di Soncino era corteggiato da svariate società, ha firmato anche lui per la Otelli e farà l’esordio nella categoria Allievi.
ciclomercato Trova collocazione Fabio Taborre, 27 anni: lascia il team Acqua & Sapone e approda alla Vini Fantini (altro marchio della Farnese Group), team Professional di Luca Scinto, il direttore sportivo responsabile che nelle ultime due stagioni ha collezionato la bellezza di 21 vittorie con Andrea Guardini, astro nascente tra gli sprinter puri, passato all’Astana Pro Team, che avrà a disposizione un treno di valore con Jacopo Guarnieri in testa. Fiducia ai nuovi del team Fantini: il venezuelano Jonatta Monsalve, Ramon Carretero (neoprofessionista), Francesco Chicchi, Mauro Finetto, Michele Merlo, Luigi Miletta (neoprofessionista), Mattia Pozzo (neoprofessionista), il giapponese Junya Sano, Mauro Santambrogio, proveniente dalla Bcm Racing Team. Confermati Matteo “Rambo” Rabottini (25 anni), autore di una impresa eroica al Giro nella tappa a Pian dei Resinelli. L’altro big è Oscar Gatto (miglior azzurro al Mondiale di Valkenburg e nella Sanremo, che è il suo pallino), Rafael Andriato (Brasile), Stefano Borchi, Pier Paolo De Negri, Francesco Failli, Leonardo Giordani, Kevin Hulsmans (Belgio), Luca Mozzanti, Cristiano Monguzzi e Alessandro Proni. Per ora la rosa della Fantini è composta da 22 corridori, ma potrebbero diventare 23 con l’ingaggio di Danilo Di Luca (si vocifera che sia un’operazione da 300mila euro).

MOSER E NIBALI PREMIATI Nel Monastero della Castellina (Firenze), Moreno Moser ha ricevuto il premio “Coraggio ed avanti”, mentre a Pontenuovo di Calenzano, Vincenzo Nibali è stato premiato con il 39° “Giglio d’oro” riservato al miglior ciclista del 2012. Attestati pure al tricolore Franco Pellizotti.

di Fortunato Chiodo

Segnala questo articolo su