La tragedia di Giovanna d’Arco giovedì prossimo a Casalmaggiore

+ 29
+ 28


Giovedì 6 dicembre alle ore 21, la Compagnia Teatro del Carretto porta in scena al Teatro Comunale di Casalmaggiore “Giovanna al rogo”. Lo spettacolo, con adattamento e regia firmati da Maria Grazia Cipriani, non ha la pretesa di comprendere il personaggio di Giovanna e neppure quello di abbandonarsi a letture basate su convinzioni personali. La sua vicenda reale, infatti, si perde nel mare delle interpretazioni, il più delle volte fantasiose o dettate dall’ideologia, sorte intorno al personaggio che, nel corso del Novecento, è divenuto oggetto di nuove attenzioni, sia dal punto di vista artistico, con le molte versioni che ci hanno lasciato il cinema, la musica, il teatro…  sia in termini storici, con la sua santificazione. Quella che abbiamo potuto vedere è una figura tragica, mistica, visionaria, stretta dai vincoli della rigida società del tempo, tradita, perseguitata e arsa viva dai potenti.
Quello che abbiamo compreso è che la sua storia, dal processo di condanna a morte come eretica, a quello di riabilitazione, fino alla sua stessa santificazione, è stata, e ancora continua ad essere, oggetto di appropriazione e strumentalizzazione per finalità politiche di ogni genere. Anche per questo motivo la vicenda di Giovanna resta attuale, fonte di suggestioni e domande aperte che, pur cambiando i tempi, mantengono una forza e una verità universale: quella di chi è vittima dell’abuso di qualsivoglia potere.
«L’intento dello spettacolo – ha spiegato la regista - è quello di ripercorrere le più significative versioni letterarie, supportate dalle fonti disponibili sulla vita di Giovanna d’Arco, per approdare ad una proposta drammaturgica la cui struttura è costruita con l’alternarsi del tempo presente, in cui la protagonista sente e soffre la condanna ormai prossima, e il tempo passato, da lei rivissuto quale estrema ricapitolazione della propria esistenza».

di Federica Ermete

Segnala questo articolo su