Serie D: la Pergolettese è tornata a vedere la vetta

+ 19
+ 22


Dunque il Pergo, grazie alla bella vittoria esterna ai danni della nobile decaduta Pro Sesto (2-1, gol di Guerci e Amodeo) ha raddrizzato subito la sua strada: la vetta è nuovamente nel mirino. Mercoledì, tra l’altro, complice l’impegno interno sulla carta abbordabile con il Trento (rinviato per neve), la graduatoria gialloblu potrebbe migliorare ulteriormente. Valori tecnici alla mano, oltre alla truppa “canarina” (in entrata occorre registrare l’avvento del nuovo trequartista Fabrizio Avanzini, nella foto) allenata dal bravissimo Roberto Venturato (a Cremona qualcuno finalmente lo rimpiange, il trainer giusto per la Cremonese era lui, ndr), per la lotta al salto diretto in Lega Pro ci sarebbero pure Voghera, Olginatese, Caronnese, Pontisola e Lecco. Spostando il raggio d’azione alla geopolitica, fattore che, alla faccia di quanto si dica o si pensi conta assai, i favoriti all’approdo in Seconda Divisione dovrebbero rispondere ai nomi appunto di Lecco, Pergolettese, Voghera e Pontisola. Ora chi vince il girone in serie D, ovviamente festeggerà direttamente senza passare dalla roulette dei playoff, spareggi che, per forza di cosa toccheranno invece alle inseguitrici che arriveranno in coda. Sin qui il rendimento dei ragazzi di Venturato è stato semplicemente straordinario: applausi davvero. L’importante è tenere alta la guardia e proseguire nel solco tracciato, soprattutto considerando il fatto che, con l’apertura del calciomercato di riparazione, inevitabilmente muteranno parecchi parametri tecnici. Nei giorni scorsi, per cause indipendenti dalla loro volontà (se i “marchi sportivi” appartengono a un privato e non sono in vendita c’è poco da fare, ndr), l’attività del “Popolo Cannibale” si è chiusa. L’obiettivo del movimento spontaneo, gruppo costituito da un gruppo di tifosi romantici e realisti, magari lanciando l’opzione del libero azionariato popolare, era quello di provare a dare una svolta diversa al vecchio (e fallito) Pergocrema. Come tutti certamente saprete, la storia, con l’avvento del Pizzighettone, ha decisamente avuto esito e sviluppi completamente diversi, così il sogno dei cannibali puri e irriducibili non è decollato e la somma da loro raccolta (e destinata alle casse sociali di un Pergo mai nato) è stata devoluta in beneficienza. Aldilà di come è andata, il Comitato, nella storia “canarina” ha avuto un ruolo, importantissimo: congratulazioni lo stesso.    

CLASSIFICA (16ª giornata): Voghera 35; Caronnese, Pontisola 34; Pergolet-tese 33; Olginatese 29; Lecco (-3) 25; MapelloBonate, Caravaggio 23; Seriate, Castellana 20; Seregno St. Georgen, Montichiari 19; Pro Sesto Alzano Cene 17; Fersina Perginese 16; Mezzocorona, Darfo Boario (-1) 13; Sant’Angelo 12; Trento 9 (-1).

di Stefano Mauri

Segnala questo articolo su