Volley A1: la grinta è l’arma in più dell’Icos Crema

+ 17
+ 18


E’ un’Icos tutta cuore quella che per la seconda volta consecutive si è imposta al tie break. Domenica scorsa a cedere alla grinta delle violarosa è stata il Giaveno, scavalcato così dalla formazione di Leo Barbieri, che al termine della gara ha affermato: «Anche oggi si è visto cosa vuol dire essere un gruppo, tutte giocano con la volontà di far parte della squadra, anche chi entra solo per pochi scambi e tutte danno il loro contributo». Di sicuro ha giovata alla squadra il rientro lampo di Riikka Lehtonen, a sole tre settimane dall’operazione al gomito. La giocatrice finlandese ha giocato tutti i cinque set e ha fatto sentire la sua presenza. Sorride anche l’mvp del match con Giaveno, Laura Saccomani, che ha chiuso la partita con 16 punti (7 muri e 1 ace): «Sono felice, soprattutto per la bella reazione che abbiamo avuto dopo esserci trovate in svantaggio 2-1. Siamo un gruppo e credo che si sia visto, il lavoro che stiamo facendo sta portando i suoi frutti. E’ stata una partita lunga e combattuta, ma siamo state brave a mantenere la lucidità necessaria. Sono contenta anche per il premio di mvp, ma questa vittoria è arrivata perché tutte ci abbiamo creduto».
Al PalaBertoni si è rivista Elisa Togut, opposto di Giaveno ed ex capitano delle violarosa, che ha così commentato la gara: «Sapevamo che sarebbe stata una sfida sul filo del rasoio, abbiamo giocato bene i primi 3 set, ma dal quarto siamo calate. C’è un po’ di rammarico, soprattutto perché eravamo galvanizzate dalla vittoria del terzo set ai vantaggi, ma non siamo riuscite ad essere continue. Questa sarà un po’ la caratteristica del campionato, anche se ogni partita è a sé. Mi ha fatto piacere tornare qui e rivedere certe persone».
Ma è vietato cullarsi sugli allori, perché domani è in programma l’impegnativa trasferta di Modena, dove le violarosa Rossi-Ma-tuszkova e Paris troveranno la loro ex squadra. La formazione di coach Cuello, nelle ultime settimane ha fatto registrare ulteriori progressi a livello di condizione fisica, oltre alla crescita di Anja Spasojevic, in attesa di poter aver a disposizione a pieno ritmo anche un altro dei pezzi da novanta come Christa Harmotto, che sta recuperando positivamente dal problema alla spalla che si trascinava dall’estate. Una sfida molto difficile, ma non impossibile per le indomite violarosa.

dalla redazione

Segnala questo articolo su