La Cremo è ora sulla strada giusta

+ 14
+ 13


Un segnale importante che arriva da lontano. Al “Mecchia” di Portogruaro la Cremonese offre la sua veste migliore, conquistando tre punti che fanno sorridere tutti. Una prestazione sopra le righe per i ragazzi di Scienza, motivati a dovere dallo stesso tecnico dopo le prova deludente in Coppa Italia contro il Viareggio. Una strigliata che ha fatto al gruppo e che ha dato i suoi frutti in una trasferta non proibitiva, ma senza dubbio difficile. Lo schema con un centrocampo più robusto ha dato i suoi frutti, portando finalmente al gol Carlini, uno dei tanti oggetti misteriosi sin qui della stagione grigiorossa. A segno anche Marot-ta che a fine gara ha anche annunciato di non volersi muovere nel mercato di gennaio. Ma è presto per parlarne. Alla Cremonese ora non resta che giocare partita dopo partita, almeno fino alla fine del girone d’andata, cercando di fare più punti possibili, senza guardare in nessun modo la classifica. Certo è che la crisi del Lecce è lì da vedere e potrebbe anche riservare clamorose novità. La società salentina, infatti, sembra non essere propriamente in regola con i pagamenti degli stipendi e questo non può far altro che ripercuotersi anche sul campo. Un fattore sul quale la gente che veste la casacca grigiorossa è sempre chiamata a riflettere. Anche perché, dopo due vittorie consecutive, non c’è ancora nulla di chiaro sul futuro grigiorossa. Tutto può ancora succedere, ma solo la squadra potrà essere artefice del proprio destino. Scienza deve recuperare molti elementi importanti, fuori causa per infortuni o squalifiche, ma la tenacia del tecnico, mantenuta anche dopo gli scivoloni contro Pavia e SudTirol, fa ben sperare per il futuro. Domenica c’è una sfida tutta da preparare, allo “Zini” contro il San Marino, che peraltro è reduce da un turno di riposo aggiuntivo, grazie al maltempo. Non ci sarà Magallanes, squalificato.

di Matteo Volpi

Segnala questo articolo su