L'Icos Crema Volley si ritira dal campionato

+ 25
+ 18


Sconfitta amarissima per l'Icos Crema, battuta 3-0 dalla Foppapedretti e arrivata al capolinea della sua avventura nella massima serie. Prima del match con Bergamo, è a stata consegnata una lettera che sa di addio: «Come già comunicato ieri dalla Lega Pallavolo Serie A Femminile, riunitasi in Camera di Conciliazione a Roma con gli agenti rappresentanti di tutte le atlete e Crema Volley, hanno definito con il presidente della stessa una transazione con garanzia sugli impegni contrattuali maturati dalle atlete. Pertanto tutti i contratti con le atlete sono stati risolti con efficacia dall’ultima partita del girone d’andata (26-12-2012), data in cui ci siamo impegnati a svincolare tutte le atlete di A1 da noi tesserate. Nel contempo nell’interesse generale, ci siamo impegnati a mettere a disposizione della Lega che ne disporrà a proprio piacimento, il titolo di A1. La Lega e Crema Volley da tempo dialogano per una soluzione positiva, per consentire nei termini e nei modi previsti dal regolamento e dallo Statuto, al fine di salvaguardare gli interessi di tutte le parti in causa, di assicurare la continuità della stagione sportiva 2012-2013. Prima di arrivare a questa decisione, abbiamo provato ogni strada per reperire nuove risorse, che con la stretta della crisi economica si sono fatte sempre più esigue. Non possiamo certo biasimare chi, per stima, amicizia o rapporti commerciali è stato contattato per un aiuto e a malincuore ha dovuto rispondere negativamente. Forse più semplicemente, Crema ed il suo circondario non si possono permettere una squadra che partecipi ad un campionato di vertice. Non saremmo mai voluti arrivare a questa decisione, ma l’aggravarsi della situazione, ci ha spinto a decidere adesso, anche in concomitanza con la riapertura del mercato di gennaio, che consentirà alle atlete di trovare altre squadre, piuttosto che peggiorare la situazione. Ora prevale l’amarezza di questi giorni, ma non possiamo neppure dimenticare il percorso di questi sei anni, dalla serie C alla A1 e per questo vogliamo ringraziare tutti quelli che si sono succeduti e ci hanno seguito: atlete, staff, dirigenti, stampa e soprattutto i tifosi e il pubblico in generale che ci ha sostenuto e anche oggi ci sostiene. Anche se ora prevale la tristezza, diciamo a tutti quelli che ci sono stati vicini, oltre che un piacere è stato un onore fare questo percorso con tutti voi».

Dopo la Reima (passata dalla serie A2 alla B2) e il fallimento del Pergo, si tratta di un'altra dolora perdita per lo sport cremasco.

Segnala questo articolo su