Il fascino di Zorro a teatro per i più piccoli

+ 24
+ 25


Come di consueto, il Teatro Ponchielli dedica il pomeriggio dell’Epifania ai più piccini. Domani alle ore 16, il cartellone prevede un appuntamento all’insegna del divertimento e dell’avventura. Dopo “Pinocchio” e il successo di “Aladin”, Stefano D’Orazio torna a firmare il testo e le liriche del un nuovo musical “W Zorro”, con il prezioso contributo delle musiche firmate dall’amico, nonché altro storico componente dei Pooh, Roby Facchinetti. In scena si esibisce un corposo cast di attori, cantanti, danzatori, acrobati e un protagonista d’eccezione: Michel Altieri (protagonista della prima edizione del Musical Disney “La bella e la bestia” e a New York star del musical “Dracula” accanto alla leggenda di Broadway, George Hearn). “W Zorro” è una storia che, da sempre, affascina grandi e piccoli, una storia apparentemente lontana ma che tanto ha in comune col presente. Con un testo assolutamente inedito ed una “leggerezza” tipica della commedia musicale italiana, lo spettacolo racconta la storia del più famoso eroe mascherato ispirandosi alla leggenda di quello Zorro, pare realmente esistito più di 2 secoli fa. Dopo una lunga assenza Diego (Zorro) torna in Messico per la morte dell’anziano padre William, nobile idealista da sempre dalla parte dei peones. La sua terra è oppressa dal regime dittatoriale; nella California messicana ormai il divario fra miseria e nobiltà è incolmabile ed è imminente una nuova rivoluzione. Diego capisce presto che il misterioso personaggio, abile di spada e di parola, apparso spesso al fianco dei peones per perorare la loro causa, che il popolo chiamava El Zorro (la volpe), era proprio il suo amato padre. D’ora in poi sarà lui ad indossarne la maschera per portare avanti la causa del popolo oppresso e per dare giustizia alla bella Cecilia (adottata dal padre di Diego) che dai tiranni aveva avuto sterminata la famiglia. Una storia arricchita da spettacolari coreografie, effetti speciali sorprendenti, combattimenti al filo di spada, con un cast abilmente guidato da Fabrizio Angelini che ne cura la regia e le coreografie, in collaborazione con Gianfranco Vergoni. L’eroe dal cuore grande e dalla spada fulminea, ieri come oggi, è pronto a rapire chiunque si lascerà trasportare da questa meravigliosa avventura.

di Federica Ermete

Segnala questo articolo su