Agromafie, un seminario contro la criminalità organizzata nel settore agricoltura

+ 101
+ 17


Cresce il legame tra criminalità organizzata e settore agricolo: quattrocentomila invisibili, un quarto dei quali costretti a vivere in condizioni di sfruttamento e semi-schiavitù, per un danno all’erario non inferiore ai 420 milioni di euro l’anno. Questi sono i numeri dell’illegalità lavorativa in agricoltura, un fenomeno in preoccupante crescita in tutta Italia, anche a causa della crisi. Informare sul fenomeno, con una panoramica di tutti i settori infiltrati o a rischio infiltrazione, è l’obiettivo della conferenza in programma dalle 9 alle 12 di venerdì 31 maggio, al Salone Bonfatti di via Mantova 25 a Cremona. All’evento, coordinato da Massimiliano Dolci, segretario di Flai Cgil Cremona ed organizzato da Flai Cgil, “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”, Filiera Corta Solidale e Arci Cremona, interverranno Jean René Bilongo (di Flai Cgil Nazionale), con la presentazione del primo rapporto “Agromafie e caporalato” dell’Osservatorio “Placido Rizzotto” Flai Cgil; Silvia Camisaschi - Referente provinciale “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie nel territorio cremonese” e Laura Rossi, coordinatrice di Filiera Corta Solidale, con “l'esperienza dell'economia solidale cremonese”.

Il caporalato non è prerogativa del Sud Italia: negli ultimi anni si registra un’esplosione del fenomeno in Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Veneto e Lazio. Allo sfruttamento del lavoro, si affiancano altri reati, come estorsioni, usura, furti, sofisticazioni alimentari, infiltrazione nella gestione dei consorzi per condizionare il mercato e falsare la concorrenza. Il tutto per un giro d’affari che si aggira tra i 12 e i 17 miliardi di euro l’anno, circa il 10% dei guadagni della criminalità mafiosa. In crescita esponenziale anche le confische: dall’inizio del 2008 ad oggi il numero dei beni aziendali confiscati alla criminalità è cresciuto del 65%, anche se solo il 4% delle imprese riesce poi a riemergere dall’illegalità.

Segnala questo articolo su