Cremona - Luglio 1944: quei 10 minuti di terrore sotto le bombe

+ 204
+ 31


L’incursione compiuta a Cremona dai 36 bombardieri americani B-25 la mattina del 10 luglio, raccontata dall’Air Crash Po. L’obiettivo venne mancato causando 119 vittime civili, tra cui 27 ferrovieri. La testimonianza di Angela Denti, all’epoca impiegata alla Cavalli&Poli.

La mattina del 10 luglio 1944 a Cremona era iniziata come una giornata “normale”, una delle tante per una cittadina che, sino a quel momento, aveva avuto la fortuna di restare ai margini delle vicende più sanguinose del secondo conflitto mondiale. Provata dalla guerra di Mussolini e di Hitler, che aveva dichiarato nel 1940, l’Italia aveva firmato da un anno (8 settembre 1943) la resa incondizionata, e le forze tedesche erano diventate esercito occupante. Dopo lo sbarco in Sicilia il 10 luglio 1943, le forze alleate, soprattutto americane e inglesi, avevano risalito la penisola, respingendo le truppe tedesche e, con l’apporto dell’esercito partigiano, le città venivano via via liberate. Nel luglio del 1944, il fronte della guerra i Italia si trovava tra a sud di Firenze, su una linea che correva grossomodo tra Cecina ed Ancona. E man mano che il fronte avanzava verso nord, i bombardamenti si facevano più vicini a Cremona, nel mirino degli Alleati per il suo scalo ferroviario ed il ponte sul Po. Sino al 10 luglio comunque, nella nostra città gli allarmi si erano susseguiti quasi quotidianamente ma senza che poi succedesse nulla. In quella calda mattina di luglio, purtroppo, le cose andarono diversamente.

Gli orologi hanno appena segnato le 10.44 quando improvvisamente risuona la nota sirena che avvisa di un imminente attacco aereo. Ma stavolta non si tratta di un falso allarme. Nel settore nordorientale della città, all’ululare della sirena (suonata in ritardo) si mischia il rombo cupo e minaccioso dei potenti motori Wright & Cyclone R.2600, appartenenti a 36 bombardieri americani B-25 Mitchell, parte dei quattro Squadroni del 310° Gruppo Bombardieri della Twelfth air Force. Poi si scatena l’inferno.

I fatti di quella tragica mattina di quasi settanta anni fa, ricordata nella commemorazione di mercoledì al Dopo Lavoro Ferroviario, sono stati ricostruiti dal gruppo di soci dell’Air Crash Po(AcPo – http://www.acpo.it) di Soresina, formato da Stefano e Daniele MerliLuca MerliDiego VezzoliMatteo AnnoniDaniele PallaiAlessandro DondoliAgostino AlbertiMarco Danelli.
Secondo la ricostruzione dell’AcPo, la formazione era decollata alle 8:55 dall’areoporto di Ghisonaccia, sulla costa orientale della Corsica. Dopo l’incontro con la scorta di 12 caccia Spitfire britannici della Royal Air Force in un punto al largo del Tirreno, i bombardieri si erano diretti verso Codogno, dove, incrociando a quote comprese fra i 9400 e i 12100 piedi, avevano iniziato a 432 Km/h la corsa finale verso Cremona.

«Suddivisa in sei “boxes” (gruppi) di sei aerei ciascuno – prosegue il resoconto del gruppo – la formazione giunse, inarrestabile, in prossimità dello scalo ferroviario cremonese, obiettivo della missione. Alle 10.47 i portelli si aprirono e i puntatori sganciarono sulla nostra città tutto ciò che i bombardieri avevano in corpo da quote comprese tra 9400 e 12100 piedi: una pioggia devastante di 185 bombe da 500 libbre l’una, con conseguenze catastrofiche per la città». Cremona si riempì di fumo, polvere e fiamme.

«Il rapporto della missione – prosegue il gruppo di studiosi – parla di una “concentrazione di bombe sul bersaglio, colpi in pieno sia sulla sezione Est (scalo merci) sia su quella Ovest (viaggiatori) della stazione; colpita la strozzatura dei binari, gli scambi, il materiale rotabile presente nello scalo; esplosioni ed incendi osservati al centro dell’area del bersaglio; un sovrappasso stradale dato per distrutto (il cacalcavia tra via Dante e S. Francesco, ndr)”». Tuttavia, nota l’AcPo, «un passo del rapporto indica che non tutto andò per il verso giusto», come i cremonesi ben sanno: «“bombe a segno sulle aree edificate lungo i bordi Nord e Sud dell’area del bersaglio (via S. Francesco e via Dante, ndr), con esplosioni ed incendi. Si ritiene che le bombe sganciate dagli ultimi 6 aerei della formazione abbiano colpito la sezione Ovest dello scalo».

Lo sciame di ordigni esplosivi infatti, invece di colpire esclusivamente lo scalo e il cavalcavia tra via S. Francesco e via Dante, compì una strage. Come testimoniano le foto d’epoca e la cartina pubblicata da Gianluigi Boldori nel suo libro “10 Luglio”, oggi sappiamo che le bombe caddero sulle due direttive: una tra Porta Milano e la Fabbrica Cavalli&Poli, l’altra tra il Naviglio Civico e l’allora Molino Rapuzzi. Durante il raid, Porta Milano fu quasi rasa al suolo, le case tra via Dante e via Palestro vennero dilaniate, le tombe del cimitero martoriate, e risultarono colpiti anche alcuni punti dello stabilimento Cavalli & Poli (dalla parte di via S. Quirico) e via Nazario Sauro. Alla fine il bilancio fu tragico: Boldori parla di 119 civili, 13 soldati tedeschi della Wermacht e circa 80 feriti. Tutto questo, fu causato da un’azione che sembra servisse per colpire un convoglio tedesco pieno di armi e munizioni la cui presenza era stata segnalata agli alleati dalla radio clandestina di un professionista residente in Galleria XXV aprile. Se quel convoglio si trovasse davvero sui binari della stazione in quel momento, non è dato di sapere. E’ certo comunque che i bombardieri sbagliarono clamorosamente l’obiettivo. Nel mirino dei puntatori dei B-25 finì anche un campo coltivato adiacente allo scalo delimitato dalla Cremonella e dalla via S. Francesco: fu qui, ricorda Boldori, che trovarono la morte 27 ferrovieri che stavano cercando disperatamente di fuggire.

Ma la vicenda non si era ancora conclusa. «Alle 12.50, circa due ore dopo l’attacco alla ferrovia – riferisce l’AcPo – dodici bombardieri P-47 del 79th FG attaccarono la raffineria di Cremona e un’area a ridosso della linea per Castelvetro Piacentino. Delle 24 bombe da 500 libbre sganciate dalla quota di 1000 piedi, 8 centrarono in pieno un serbatoio di combustibili che esplose incendiandosi e bruciando in una densa colonna di fumo nero. Altri 10 ordigni invece colpirono la fabbrica, demolendola in parte».
La catastrofica incursione aerea del 10 luglio, che causò a Cremona in un solo giorno tanti morti quanti la città non ne aveva avuti da un secolo (eccetto durante l’epidemia di “Spagnola” nel 1918), fu, purtroppo, solamente l’inizio di una serie di incursioni che si susseguirono sino al 24 aprile del 1945. Come ricorda Boldori, ad ottobre del ’44 «la media era arrivata ad una quindicina di morti al giorno. Il 16 ottobre al camposanto affluirono 50 funerali e il giorno dopo 42. Naturale dunque che la collettività tutta, e in particolare i ferrovieri, ricordino anche a distanza di tanti anni quei tragici giorni».

ANGELA DENTI: «COSI’ MI SONO SALVATA DALLE BOMBE»
Il racconto di una testimone impiegata alla Cavalli & Poli

«In quel periodo ero impiegata presso gli uffici della Cavalli&Poli, mentre il mio futuro marito, arruolato nell’artiglieria contraerea, era prigioniero degli americani in Nord Africa». A raccontare è Angela Denti, all’epoca 22enne e, oggi, ultranovantenne con l’indelebile ricordo dell’incubo vissuto quella mattina. «Quel giorno ero appena arrivata in ufficio, come tutte le mattine, quando suonò la sirena. A questa ci eravamo abituati ma quella mattina sentimmo anche il rumore sordo dei bombardieri, che erano già in vista. In ditta scoppiò il finimondo, ci sentimmo perduti e il mio primo impulso fu di uscire e correre a perdifiato verso il centro della città. Se l’avessi fatto, oggi non sarei qui a raccontare. Fortunatamente mio cugino, Ruggiero Fantarelli, che era anche mio collega di lavoro, mi trattenne a forza e ci sospinse tutte dentro l’ufficio, sotto i muri portanti del casamento. Appena in tempo, perché subito dopo cominciarono i sibili cui seguivano, spaventosi ed assordanti, i boati delle esplosioni. L’unico nostro collega che corse fuori senza che riuscissimo a trattenerlo, fu centrato dalle bombe mentre correva a perdifiato sul cavalcavia. Non si può rendere a parole il terrore di quei 10 minuti. La terra tremava, ogni esplosione scuoteva tutto l’edificio, i calcinacci cadevano a pioggia da tutte le parti, i nostri grembiuli neri (l’“uniforme dell’impiegata”) erano divenuti bianchi di polvere, e ad ogni scoppio il cuore quasi si fermava per la paura che il successivo fosse destinato a noi. Sebbene l’allarme cessò alle 13, soltanto nel tardo pomeriggio riuscii a trovare la forza di tornare a casa. Qui mia madre, che non aveva avuto più alcuna notizia di me sin da quando ero uscita al mattino, mi attendeva in lacrime e mi saltò al collo in un pianto di gioia. Fu un abbraccio lungo e liberatorio, come quello con il mio fidanzato l’anno successivo, quando mi corse incontro in stazione dopo cinque anni di guerra e tre di prigionia».

LE INCURSIONI SU CREMONA NEL LUGLIO ’44

Dati a cura del gruppo Air Crash Po

3 Luglio 1944

Il deposito di carburante in K8523 ( zona raffineria di Cremona) fu attaccato da dodici P-47 D del 79th FG con 24 bombe a frammentazione da 360 libbre, da 300 piedi di quota, alle 18:00. Gli ordigni caddero tra edifici e serbatoi. Non furono notati incendi.

7 Luglio 1944

Alle 16:30 undici P-47 del 57th FG si accanirono contro la linea ferroviaria in K8820 (est di Cremona, sulla linea per Casalmaggiore), mettendo a segni tre interruzioni dei binari grazie allo sgancio di 22 bombe da 500 libbre GP dalla quota di 1000 piedi.

10 Luglio 1944

Ore 10:47, trentasei B-25 Mitchell del 310th BG sganciarono 185 bombe da 500 libbre GP sullo scalo ferroviario della città. L'azione, effettuata da quote comprese tra 9400 e 12100 piedi, ebbe conseguenze catastrofiche per la città. Stando al rapporto americano, tuttavia, fu ottenuta una “eccellente copertura” dell'obiettivo, parecchi vagoni vennero distrutti, altro materiale rotabile fu danneggiato, un sovrappasso stradale venne probabilmente distrutto e furono notate grandi esplosioni ed incendi.

10 Luglio 1944

Dodici P-47 del 79th FG attaccarono alle 12:50 il deposito di carburante ed una fabbrica siti, rispettivamente, in K 8532 e K 8520 (raffineria di Cremona e area a ridosso della linea per Castelvetro) Delle 24 bombe da 500 libbre GP sganciate dalla quota di 1000 piedi, 8 centrarono in pieno un serbatoio di combustibili che esplose incendiandosi e bruciando in una densa colonna di fumo nero; altri 10 ordigni colpirono la fabbrica, demolendola in parte.

12 Luglio 1944

Il 319th BG inviò 24 bombardieri medi bimotori Martin B-26 Marauder ad attaccare il ponte ferroviario e stradale sul Po. Solo 5 aeroplani eseguirono l'attacco. Gli altri si liberarono delle bombe in mare. Lo sgancio avvenne da quote comprese tra 1000 e 11000 piedi, in eccellenti condizioni di visibilità ma le bombe finirono nel Po. Alle 18:58 si presentò sulla verticale del medesimo obiettivo una seconda formazione di B-26 del 319th BG, composta da 36 velivoli. Da quote comprese tra 10000 e 11400 piedi, i bombardieri americani sganciarono ben 143 bombe da 1000 libbre GP sul ponte, mettendo a segno diversi centri diretti sia sulla struttura del ponte che sui binari e la sede stradale.

13 Luglio 1944

La 31eme Escadre de Bombardement Moyenne delle FAFL inviò 18 B-26 ad attaccare il ponte sul Po; gli aerei si presentarono sulla verticale dell'obiettivo alle 10:10 e, dalla quota di 10000/ 1000 piedi, sganciarono 70 bombe da 1000 libbre GP. Gli aviatori riportarono di aver centrato tutte le bombe nell'area del bersaglio, con diversi colpi diretti sulla struttura del manufatto. Alle 10:30, giunsero sulla scena 23  B-26 del 17thBG che attaccarono il ponte stradale in K7691 da 9600 piedi di quota. Gli aerei sganciarono 454 bombe da 100 libbre GP che distrussero almeno 30 “pontoni” ed aprirono un varco di almeno 650 piedi nel ponte; almeno 18 ordigni colpirono in pieno il bersaglio, che fu completamente distrutto. Alle 18:50 giunsero sulla scena 22  B-26 del 319th BG che, da quote comprese tra 10000 e 11000 piedi, sganciarono 88 bombe da 1000 libbre GP sul ponte ferroviario. La stragrande maggioranza degli ordigni colpì l'area dell'obiettivo e vennero messi a segno parecchi centri diretti.

16 Luglio 1944

Alle 08:24, 3  B-26 del 319th BG sganciarono 12 bombe da 1000 libbre GP sul ponte ferroviario, che  presentò la seconda e la terza campata sulla sponda Ovest collassate nel fiume. Anche in questa occasione vennero messi a segno alcuni centri diretti.

di Michele Scolari




Segnala questo articolo su