Dipendente dell’Opera Pia ruba preziosi agli ospiti: denunciata. Ai carabinieri: «Ero disperata»

+ 45
+ 9


Aveva più volte sottratto oggetti preziosi agli ospiti della struttura d’accoglienza “Opera Pia Ss Redentore” di Castelverde ed è stata denunciata dai carabinieri di Castelverde.

A finire nei guai è stata una 48enne, dipendente a.s.a. della struttura. La donna, giovandosi delle proprie funzioni svolte nella struttura in esame, ha più volte sottratto numerosi monili in oro ed effetti personali agli ospiti, approfittando delle precarie condizioni in cui versano questi ultimi, necessitanti di continua assistenza. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, sarebbero 13 i furti messi a segno in un periodo che va da marzo a settembre di quest’anno ed avvenivano sempre nei turni in cui era presente la 43enne: ogni volta che si verificava un furto, l’unica operatrice sempre presente era soltanto lei. Individuata grazie a questa analisi, la donna è stata convocata in caserma dove, messa alle strette davanti ad alcuni indizi univoci, ha alla fine ammesso le proprie responsabilità. Ha anche riferito di aver venduto la refurtiva ad alcuni “compro oro” della provincia di Cremona e di aver compiuto i furti per far fronte ad alcune necessità economiche causate dal licenziamento del marito.

Ora la donna dovrà rispondere alla Procura di furto aggravato continuato con abuso di prestazioni d’opera. Al momento non si sa se la Fondazione, in relazione a tali eventi, prenderà provvedimenti a carico della 43enne.

mi.sco.

Segnala questo articolo su