Con Giunta la Pergolettese è tornata a correre

+ 11
+ 10


All’esordio con i gialloblu il nuovo tecnico ha colto una preziosa vittoria e domani cerca il bis con il Mantova.
Buona la prima per la Pergolettese del nuovo allenatore Salvatore Giunta, che sul campo del Porto Tolle si è guadagnato i tre punti della vittoria. Onestamente tutti hanno riconosciuto una buona dose di fortuna nel risultato positivo della trasferta – forse un pareggio avrebbe meglio rispettato quanto entrambe le squadre hanno saputo fare – ma nessuno rifiuta la fortuna, specie in un campionato come quello di Seconda divisione, particolarmente impegnativo. Arrivare alla fine nelle prime otto squadre per evitare gli scontri per la retrocessione, sarà durissimo e un po’ di fortuna sicuramente aiuta. Giusto però riconoscere che per lunghi tratti del secondo tempo e in particolare nel finale, è stato il Pergo a fare la partita e ad avere diverse occasioni da rete. Quanto c’è della squadra e quanto dell’allenatore in questa importantissima vittoria che fa morale? Detto che sono i giocatori che vanno in campo e sono loro ad essere alla fine determinanti, bisogna dire anche che Salvatore Giunta ci ha messo del suo. Sicuramente nel motivare e stimolare i giocatori, ma anche sul piano tattico ha saputo correggeresi in corsa, quando all’inizio della ripresa è tornato a schierare Sembroni in mezzo alla difesa, spostando Scietti sulla destra, oppure quando ha tolto Ferrara (un poco appannata la sua forma!) sostituendolo con il più incisivo Marinoni. Quello dei due laterali (Ferrara e dall’altra parte Davini, che al 20’ del secondo tempo si è mangiato un gol già fatto!) che ripiegano molto in difesa, può essere una tattica con squadre più forti oppure quando si gioca in trasferta, ma non può essere una costante nella Pergolettese. Così come bisogna migliorare la concentrazione: non si può prendere un gol – oltre tutto su calcio d’angolo - immediatamente dopo essere andati in vantaggio (al 20’ gol di Bardelloni e al 21’ rete di Bertoli). Il gol della vittoria del Pergo (autore Zerbo entrato al 36’ del secondo tempo a sostituire Bardelloni) è arrivato a 3 minuti (più recupero) dalla fine della partita: un classico per aumentare la soddisfazione dei colori gialloblu e l’amarezza agli avversari. L’aria dell’alta classifica – i gialloblù sono primi con 11 punti con Cuneo e Bassano - non deve però dare alla testa: è stato chiarissimo su questo Salvatore Giunta: «Dobbiamo ancora migliorare, la squadra ha delle pause (di concentrazione) che si possono e si devono evitare.

Certo con questa vittoria i giocatori hanno ripreso morale e così avrò più possibilità di lavorare ai miglioramenti necessari». Ora il campionato continua con la Pergolettese che deve affrontare in casa il (derelitto) Mantova. I biancorossi dopo la crisi del 2010 (ripartenza dalla serie D) e la promozione in Lega Pro l’anno successivo, non riescono a decollare verso traguardi più consoni al loro passato. Il Mantova anche quest’anno pare stentare a trovare un passo adeguato al proprio prestigio e la classifica è certamente deficitaria con solo 6 punti. Il presidente Michele Lodi non nascondeva all’inizio propositi certamente più ambiziosi, così come l’allenatore Antonio Sala. Ma quest’anno in Seconda Divisione nessuno è disposto a far regali: tanto meno la Pergolettese!

I NUMERI

6ª GIORNATA Alessandria- Spal 0-0, Cuneo-Real Vicenza 1-1, Delta Porto Tolle-Pergolettese 1-2, Forlì-Vecomp Verona 0-2, Mantova-Bassano 2-2, Monza- Bra 3-1, Renate-Torres 1-1, Rimini-Bellaria Igea Marina 1-0, Santarcangelo-Castiglione 1-0.

7ª GIORNATA (13-10 h 15) Alessandria-Rimini, Bellaria Igea Marina-Monza, Castiglione- Forlì, Cuneo-Delta Porto Tolle, Pergolettese-Mantova, Real Vicenza-Re-nate, Spal-Bra, Torres-Santarcangelo, Vecomp Verona-Bassano (12-10 h 15). CLASSIFICA Cuneo, Bassano, Pergo-lettese 11; Rimini, Real Vicenza 10; Monza, Vecomp, Renate, Alessandria 9; Santarcangelo 8; Bellaria Igea Marina, Forlì 7; Torres, Mantova, Delta Porto Tolle 6; Spal 5; Castiglione 3; Bra 1.

Segnala questo articolo su