Cremo, riaccendi il Lume della passione

+ 9
+ 13


Una brusca sveglia. Dopo aver riassaporato il gusto dolce, ma delicato della vetta della classifica, lo scivolone casalingo contro il Como nel posticipo serale di sabato scorso ha fatto riaffiorare antiche questioni. In casa la squadra non riesce a dare continuità ai risultati, trovando spesso difficoltà contro squadre chiuse a riccio e pronte ad agire di rimessa o sui singoli episodi. Quelli che spesso fanno la differenza in una categoria come la C1 (o Prima Divisione di Lega Pro che dir si voglia). Domani però c’è già l’occasione per rifarsi, ma servirà ben altro piglio. Sempre allo “Zini”, ma stavolta senza luci artificiali e senza le telecamere “del malaugurio” dei posticipi serali, sarà di scena la sfida contro il Lumezzane. La formazione valgobbina non perde da quattro gare consecutive, ha segnato 10 reti (uno in meno dell’attacco grigiorosso, per ora il migliore del torneo…) e si presenta come una formazione tosta e pronta a vendere cara la pelle. In avanti, gli occhi aperti andranno tenuti soprattutto sull’attaccante mancino Ernesto Torregrossa, classe ’92 in prestito dal Verona dal gennaio scorso, già autore di cinque reti con un solo rigore all’attivo.

Per l’occasione, Torrente potrebbe presentare una squadra ridisegnata secondo un più pratico 3-4-3, schema più consono ai lanci lunghi per sfruttare le torri di Abbruscato, copione costante della gara contro il Como e probabilmente più adatto alla categoria e alla situazione di una Cremonese che davanti a sé, specie in casa, troverà sempre formazioni molto chiuse. Dovendo sostituire lo squalificato Bergamelli, pertanto, l’ex tecnico del Gubbio potrebbe arretrare Abbate sulla linea dei tre centrali insieme a Caracciolo e Moi, per rilanciare Avogadri sulla corsia di destra e sacrificare un centrocampista. In avanti, infine, dovrebbe rientrare dall’inizio Carlini come punta esterna al posto di un Brighenti che anche contro il Como ha dimostrato volontà, ma poca attitudine a giocare sull’esterno. Il suo utilizzo, al momento, è più prevedibile come punta centrale in sostituzione o in supporto ad Abbruscato a seconda di come si mette la partita. Tra i pali? Con Bremec ancora fuori causa, il giovane Galli sta trovando sempre maggiore sicurezza, come dimostra anche quel rigore parato, anzi bloccato a terra, con cui il portierino grigiorosso ha tenuto in gioco i compagni fino alla fine della gara con il Como.

PROBABILE FORMAZIONE (3-4-3): Galli; Abbate, Caracciolo, Moi; Avogadri, Loviso, Armellino, Visconti; Casoli, Abbruscato, Carlini. All.: Torrente.

Segnala questo articolo su