Nei prossimi giorni arriva l’inverno

+ 13
+ 10


Tempo variabile per tutta la prossima settimana, qualche preoccupazione per la tenuta dei fiumi.
E' il momento di preparare giacche ed ombrelli: è infatti in arrivo una forte perturbazione atlantica, «che non risparmierà nessuno», come hanno dichiarato nei giorni scorsi i meteorologi di 3bmeteo. com. Il fine settimana inizierà all'insegna di un clima insolitamente mite, anche se nella Pianura Padana il cielo sarà ancora nuvoloso, con possibilità di formazioni nebbiose durante le ore più fredde. La domenica, invece, vedrà un peggioramento «di tipico stampo autunnale, che interesserà il Centronord con piogge, acquazzoni e anche qualche temporale; fenomeni più intensi sono attesi su Liguria, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana e Lazio» fanno sapere ancora i meteorologi di 3bmeteo. La settimana prossima sarà caratterizzata da un tempo prevalentemente instabile sul territorio basso-padano. «La presenza di aria calda e molto umida potrà favorire locali nubifragi e allagamenti» spiegano ancora gli esperti. Del resto è proprio di questi giorni l'allerta meteo della protezione civile lombarda, che evidenzia "condizioni di moderata criticità" per rischio idrogeologico, e, in particolar modo nel territorio lombardo, si parla di possibili allagamenti a causa di esondazione dei fiumi, mentre già il Seveso e l'Oglio hanno provocato allagamenti nel nord della Regione e preoccupano le condizioni di altri fiumi e dei grandi laghi, che inevitabilmente porteranno all'innalzamento anche del fiume Po.

Con la prossima settimana anche le temperature dovrebbero cambiare: si parla di un calo di oltre 5-6 gradi, a partire dal centronord. «La prossima settimana avremo l'Inverno alle porte - concludono da 3bmeteo.com - a causa di una intensa irruzione di aria artica, che interesserà l'Europa orientale dove la neve potrà cadere a quote basse, se non a tratti fin verso il piano. Tuttavia il freddo si fermerà poco ad Est dell'Italia, senza interessarci direttamente, ma con spifferi freddi che manterranno in vita una certa variabilità, specie su adriatiche, estremo Sud, Prealpi e pedemontane del Nord». La settimana prossima si caratterizza quindi per la sua variabilità, con locali piogge in intensificazione la notte. Martedì il maltempo si protrarrà, con pioggia debole in riviera ligure e sulle pianure lombardo piemontesi: un clima che proseguirà anche mercoledì. Quindi, una condizione decisamente variabile, almeno fino alla prima settimana di novembre.

Segnala questo articolo su