La Vanoli sogna il primo Brindisi

+ 9
+ 12


Malgrado sia ancora a quota zero la formazione di Gresta ha confermato di essere competitiva per la massima serie
Dopo due giornate di campionato chi avrebbe previsto che in cima alla classifica si trovassero a punteggio pie-no Caserta, Bologna e Roma e che Milano, Siena e Sassari avessero già subito uno stop? Francamente, pensiamo pochi anche tra i più esperti commentatori del campionato di basket, o forse sono gli effetti del tanto equilibrio o dell’inizio a volte frettoloso o poco fortunato della preparazione estiva. Meno sorprendente, visti roster ed infortuni vari, trovare a quota zero Montegranaro, Pistoia e Vanoli. Ma l’elite del campionato sta nel mezzo, o forse no. Vedremo in seguito. Intanto abbiamo visto una grande Vanoli per 10’, che forse s’è illusa dopo il 28-7 di poter vivacchiare più in là, ma la reazione dei felsinei ha raggiunto lo scopo, sia pure nella coda del supplementare. La Vanoli ha risentito forse anche troppo dell’infortunio di Chase (in recupero) e così Woodside, che a noi non è dispiaciuto, non ha più avuto cambio, mentre Rich ne meritava molto di cambio, così come Jackson, mentre Kelly ed Ndoja si dannavano l’anima per tenere la barca in linea di galleggiamento. Ma non è servito purtroppo. Resta di positivo aver visto che gli uomini ci sono ed il tempo non può che migliorarne le prestazioni dei singoli e di squadra. Sarà Gresta a lavorarci in palestra per trovare miglior fortuna. Passiamo oltre ed andiamo a Brindisi, tappa di domani, dove troveremo un clima infuocato e un complesso di grande caratura tecnica e fisica e perciò una partita da affrontare con lo spirito battagliero, che occorre sempre in questo equilibrio che pensiamo destinato a non esaurirsi in pochi turni. Ben vengano comunque questi scontri con squadre blasonate, che serviranno ad aumentare la voglia di provarci per un gruppo tanto nuovo, quanto potenzialmente buono come quello a disposizione della società, che necessita di qualche gara di rodaggio, ma che non dovrebbe deludere in avvenire.

Segnala questo articolo su