Tacchinardi suona la carica in vista della ripresa

+ 8
+ 11


La Pergolettese vuole risalire la classifica a partire dalla sfida di domani sul campo dell’Alessandria.
Anno nuovo vita nuova! Con l'ultima partita del girone d'andata (Pergolettese-Forli 0.0), oltre al vecchio anno archiviamo anche la prima parte del campionato di Seconda Divisione della Pergolettese. Come per il vecchio anno, nessun rimpianto: la classifica a 22 punti piange ed il demerito e soprattutto legato alle ultime sei partite con solo 3 punti in saccoccia. Le cause del declino finale di risultati della squadra . al di la dell'impegno (e questo aggrava la situazione) . sono in gran parte note e qualcuno suona anche a giustificazione. Se e cosi, con il rientro degli acciaccati e degli squalificati (Sambugaro e Jeda) e dopo qualche giorno di meritato riposo per chi ha tirato la carretta piu di altri (Zanola e Bardelloni), ora non ci sono piu alibi: bisogna riprendere a giocare e a combattere. Domani tocca far visita all'Alessandria, meglio messa del Pergo, ma nemmeno troppo, con 24 punti. All'andata e stato pareggio al Voltini. Il caso vuole che proprio con la squadra piemontese in questi giorni sia andato in porto uno scambio di giocatori: partenza di Ivan Buonocunto (una meteora a Crema) e arrivo in gialloblu del ventiduenne Alberto Filiciotto. Chi delle due squadre avra pescato il jolly sara il campo a deciderlo. Ma qualche analisi del passato per trarne auspicio positivo per il futuro va fatta. Sentiamo al riguardo Amedeo Tacchinardi da Castelleone, venticinquenne uomo di centrocampo, da due anni al Pergo, in un ruolo di esperienza e di saggezza. Vuoi esprimere un giudizio generale su questa prima parte del campionato? Un campionato molto equilibrato, dove tutte le squadre si possono battere e ti possono battere. Spesso la differenza e data da singoli episodi: e successo a noi sia quando abbiamo perso sia quando abbiamo vinto. Quali squadre ti hanno piu impressionato? Con tutto il rispetto, non il Bassano ne il Santarcangelo che pure sono in testa alla classifica. Mi e parsa piu squadra il Rimini, e naturalmente Spal, Mantova ed Alessandria che hanno alle spalle realta cittadine importanti. Come giudichi il campionato del Pergo fino ad ora? A due facce: una prima parte con gli episodi che ci sono stati favorevoli, una seconda caratterizzata, invece, da singoli episodi che ci hanno penalizzato. Naturalmente, al di la degli episodi, bisogna sempre avere il massimo della concentrazione per approfittare degli errori dell'avversario e per ovviare agli errori nostri. Avete spesso preso gol nei minuti finali: carenza di preparazione atletica o mancanza di concentrazione fino alla fine? Non ci manca il fondo, abbiamo sempre dato tutto fino alla fine di ogni partita. Dobbiamo forse migliorare come fatto mentale: massima fiducia e sicurezza in noi stessi, e il coraggio di lottare su tutte le palle, specie su quelle inattive. Il vostro maggior pregio? Il possesso palla: e fondamentale per avere il controllo della partita. Il maggior difetto? Forse, come dicevo prima, saper tenere la concentrazione al massimo fino alla fine. E allora, coraggio Pergo: il campionato comincia adesso!

Segnala questo articolo su