La Vanoli vuole calare un tris da favola

+ 9
+ 6


Nelle Marche la squadra biancoblu ha confermato la sua crescita, ma la strada che porta alla salvezza è ancora lunga.
Una super Vanoli in fase offensiva, ha vinto una partita che potrebbe rivelarsi decisiva per la salvezza sul campo della Sutor Montegranaro per 95-90. Così Ndoja e compagni hanno agganciato i marchigiani a quota 8 punti, staccando ulteriormente Pesaro ferma a 4. Le eccellenti prestazioni balistiche (Jackson e Woodside su tutti) hanno permesso di mettere a silenzio la non perfetta attitudine difensiva (prendere 90 punti da una squadra in evidente difficoltà tecnica e non solo, francamente ci paiono troppi), ma passiamo oltre. L’importante era vincere ed è successo, a conferma del momento buono iniziato già con Caserta ed ora riconfermato in trasferta, perché la voglia di lottare non è venuta mai meno, se si escludono gli ultimi 3 minuti di partita a risultato quasi acquisito. Bravi dunque i protagonisti in campo, tutti a portare il loro più o meno grande contributo, dal coach a Marchetti, il ragazzino che pure lui ha lasciato il segno. Pensiamo che oltre alla classifica, il successo farà bene al morale, senza esaltarci troppo, ma consci che la Vanoli non è così brutta come pareva un mesetto fa e che Woodside non è così “sbagliato” come qualcuno voleva far credere, dando il là anche a critiche spesso ingenerose. Sosteniamo squadra e società, perché il cammino per raggiungere la meta è ancora lungo e tortuoso e ce ne accorgeremo tutti già domani quando al PalaRadi vedremo la Montepaschi Siena, che magari sarà inferiore all’Armani Milano, ma che per spirito e volontà di combattere non è da considerarsi seconda a nessuno. Sarà un bello spettacolo per chi ama il basket e sarà un onore per noi cremonesi ospitare un avversario di così alto lignaggio, ancora ai vertici nonostante le vicende extrasportive ne abbiano abbassato la qualità tecnica, ma non la forza morale. Un grande appuntamento dunque per gli appassionati ed una verifica importante per la Vanoli, che cerca conferme nel gioco e nei meccanismi di squadra per continuare a portare avanti il suo progetto modesto, ma importantissimo. Buon basket a tutti!

di Giovanni Zagni

Segnala questo articolo su