La Vanoli sogna un poker da favola

+ 15
+ 15


Malgrado l’assenza di Rich, i biancoblu hanno battuto Siena dimostrando di essere diventati una squadra temibile.
Domenica scorsa abbiamo passato un tardo pomeriggio di piena soddisfazione, poiché al PalaRadi abbiamo ammirato una grande Vanoli battere i campioni d'Italia in carica, la Mens Sana Siena. Un’altra giornata da segnare col circoletto rosso sul calendario, perché dopo Cantù e Sassari, quella senese è la terza vittima illustre per il roster del presidente Aldo Vanoli in una stagione che sembrava avara di soddisfazioni, ma che si va aprendo al sorriso. Tre successi di seguito, al momento hanno ridato fiducia all’ambiente e soprattutto hanno tolto il team da una posizione di classifica quanto mai deludente. Sia chiaro, la strada per la salvezza è ancora lunga, ma le prospettive, visti i generali progressi del gruppo, paiono meno scure di quanto era un mese addietro. Con Siena, peraltro un po’ demotivata e stanca, s’è vista un’ottima Vanoli, pur con Rich fermo per infortunio, seduto in panchina da spettatore (resta in dubbio anche per domani), ma con molti altri protagonisti di gran livello. Oltre ai festeggiatissimi Woodside e Zavsckas, citeremmo Kelly e Johnson, nonché il ritrovato Jackson, ma nessuno ha demeritato a conferma che quando c’è organizzazione e gioco fluido (bravo coach Pancotto), la squadra è teoricamente da salvezza tranquilla, se non qualcosa in più. Per cui con fiducia si va a Bologna, campo di gara della Virtus Granarolo, partita fortissima in campionato ed ora un po’ bloccata, con tre sconfitte consecutive sul groppone e fuori dalla final eight di Coppa Italia. Non sarà impresa facile, anche se alla squadra di Bechi mancherà ancora il “lunghissimo” Jerome Jordan (215 cm), infortunato, ma i giocatori determinanti non mancano nel roster felsineo come Hardy e Matt Walsh, contornati da giovani anche italiani di buon valore e grandi aspettative. Una partita che nelle previsioni potrebbe definirsi ad alto equilibrio, sperando che il bravo Jason Rich abbia recuperato la piena condizione fisica. Ma dalla Vanoli di questi tempi è lecito sperare di tutto in positivo.

di Giovanni Zagni

Segnala questo articolo su