Cremo, domenica serve solo la vittoria

+ 9
+ 9


Battendo la Reggiana i grigiorossi si rilancerebbero nella lotta al primo posto (lontano 10 punti)
Dopo la battaglia di Savona, gara a brutte maniere in pineo stile Lega Pro, la Cremonese è ormai pronta alla sfida con la Reggiana. Un sorta di “derby buono” quello contro i granata, con cui da anni ci sono rapporti di gemellaggio tra le tifoserie e buoni a livello anche di mercato. La situazione della Reggiana attuale è piuttosto critica, la società gigliata vive ormai sempre più nell’ombra della scalata del Sassuolo di Squinzi, patron della Mapei, che si è impossessato anche dello stadio “Giglio” (oggi ribattezza per l’appunto “Mapei Stadium”), ormai abbandonata ad un precario stadio di ristrettezze economiche che ha fatto diventare la Reggiana come l’autentica “Cenerentola calcistica” dell’Emilia. In casa Cremonese, invece, c’è la forte volontà di continuare a fare punti, prolungando così la striscia di risultati utili attraverso quella vittoria interna allo “Zini” che si conferma “voce ad handicap” della stagione in corso. Per l’occasione mister Torrente potrà contare sui rientri in difesa di Caracciolo e Moi, entrambi reduci da un turno di squalifica, ma sarà costretto a dare fiducia tra i pali a Paolo Quaini, terzo portiere in ordine gerarchico, per il quale è finalmente arrivata la grande occasione di tornare titolare con la maglia grigiorossa, vista la squalifica di Galli (espulso domenica scorsa a Savona e quindi fermato per un turno dal giudice sportivo) e la contemporanea indisponibilità di Bremec, ancora infortunato. In avanti, ancora fiducia alla coppia Brighenti-Della Rocca, con Campo e Palermo pronti a suggerire in una di quelle gare che si presenteranno come autentiche battaglie, alla luce anche della pioggia gelida e battente che ha condizionato le ultime giornate e senza dubbio renderà assai pesante il campo dello “Zini”, anche nella giornata di domani.

GIOVANE IN PROVA Nei giorni scorsi si è aggregato alla rosa grigiorossa l’attaccante classe ’86 Hugo Bargas per svolgere un periodo di prova. Si tratta del figlio di Angel Bargas, che ha militato nella Nazionale argentina al Mondiale del 1974.

PROBABILE FORMAZIONE (4-4-2): Quaini; Caracciolo, Moi, Abbate, Bergamelli; Campo, Armellino, Bruccini, Palermo; Della Rocca, Brighenti. All.: Torrente. Arbitrerà l’incontro di domani Rosario Abisso della sezione di Palermo (assistenti Nicola Fraschetti di Perugia e Matteo Bottegoni di Terni).

di Matteo Volpi

Segnala questo articolo su