La Vanoli non deve partire battuta

+ 8
+ 10


Siamo entrati nella fase “calda” della stagione e quindi è vietato sbagliare. Si profila una lotta a tre per evitare la retrocessione.
La Vanoli ha subìto sul campo della Vitasnella Cantù una pesante sconfitta (87-72). Sconfitta prevedibile stante lo stato di grazia dei canturini, lanciatissimi in questa fase del campionato e quanto mai decisi a tenere testa all’Armani Milano sino all’ultimo nella corsa allo scudetto. Troppo forti Cusin e compagni, sia fisicamente sia per precisione e velocità di esecuzione nell’offendere. In difesa poi i canturini sono stati dominanti, concedendo ai biancoblu soltanto 5 punti nel secondo quarto. Unica nota lieta il rientro di Brian Chase, tornato in campo dopo un lunghissimo infortunio e parso già comunque in discrete condizioni fisiche e psicologiche. Lasciamolo lavorare senza pressione e Pancotto avrà una carta in più da giocare sulla strada ardua del fondo classifica che vede, a nostro parere, ristretto a tre con Vanoli, Montegranaro e Pesaro le squadre più a rischio, con la Vanoli al momento in vantaggio. Dovendo sbilanciarsi in pronostici secchi, diciamo che la maggior indiziata a retrocedere può essere Montegranaro che oltre a quelli tecnici, si dice abbia grossi problemi economici, mentre Pesaro pare lavorare con più ottimismo e pericolosità. Ma lasciamo stare quel che avverrà, che è tutto da scoprire e vivere con passione. Intanto, pensiamo ad andare a Roma con la consapevolezza di dover ancora soffrire al cospetto di una squadra che si è assicurata la scorsa settimana le prestazioni del play Mayo, che così bene aveva fatto a Montegranaro. Trasferta proibitiva an-cora una volta dunque, ma la speranza è sempre l’ultima Dea e se capitasse qualche colpaccio in trasferta, sarebbe da prendere come oro colato. La Vanoli avrà Woodside a mezzo servizio, se sarà in campo, perché s’è infortunato e pare non sia cosa di poco conto. Auguri comunque al bravo Ben e come sempre, forza Vanoli.

CASO NDOJA Intanto la società ha espresso totale solidarietà al capitano Klaudio Ndoja, che sarebbe stato insultato dai propri tifosi al termine del match di Cantù. Un episodio spiacevole, che non aiuta alla squadra in un momento così delicato della stagione.

Segnala questo articolo su