La Cremo arbitro del destino dell’Entella

+ 8
+ 12


I liguri sono obbligati a vincere allo “Zini” per conquistare la promozione diretta in serie B.
Arbitri, ancora una volta, di promozioni altrui. Dopo le urla di gioia del Trapani dello scorso anno, lo stadio “Zini” si appresta domani ad ospitare i festeggiamenti dell’Entella. Per la seconda stagione consecutiva, infatti, la Cremonese si ritrova a fare da “spalla” ad una delle candidate alla promozione diretta in serie B. Questa volta toccherà alla Virtus Entella del patron Antonio Gozzi, anzitutto presidente nazionale di Federacciai e per questo motivo imprenditore molto vicino al Gruppo Arved che, come ormai noto, figura anche tra gli sponsor del club ligure. Una situazione che ai più pare già scritta, visto che la Cremonese è ormai matematicamente “condannata” ai playoff; al contrario di una prima della classe che non potrà permettersi ulteriori rilassamenti, dopo la cocente sconfitta rimediata nello scontro diretto con la Pro Vercelli. Se come da pronostico i piemontesi dovessero battere la Carrarese, l’Entella sarebbe infatti obbligata a vincere per arrivare a prima, perché anche un pareggio non basterebbe. Nell’ambiente ligure si è vissuta una settimana di forti tensioni. «Le sconfitte dell’Entella sono l’unica cosa che mi fanno perdere il sonno. Con la Pro Vercelli è stata una batosta, ma quella era domenica scorsa. Domenica prossima sarà un’altra storia. Arvedi, proprietario della Cremonese e nostro sponsor? Ci sentiamo per lavoro, ma non parliamo di calcio». Queste le parole proprio del presidente Gozzi, tratte da una recente intervista di una testata online ligure. In casa grigiorossa, ci sarebbe da onorare l’impegno, badando a non farsi male; magari mettendo da parte quell’orgoglio che è venuto totalmente a mancare nelle ultime due gare di campionato e che ormai è ridotto a polvere dopo i fallimenti di tutti questi anni e le beffe di vedere gli altri in festa allo “Zini” all’ultima di campionato. Quanto alla probabile formazione, Dionigi non avrà a disposizione gli squalificati Casoli ed Armellino, mentre è da verificare la possibilità di un’eventuale turn over in vista degli imminenti playoff. La partita sarà arbitrata da Riccardo Ros della sezione di Pordenone (assistenti Lorenzo Gori e Enrico Caliari).

PROBABILE FORMAZIONE (4-3-3): Bremec; Caracciolo, Moi, Bergamelli; Avogadri, Bruccini, Loviso, Palermo, Visconti; Della Rocca, Brighenti. All.: Dionigi.


dalla redazione de Il Piccolo

Segnala questo articolo su