La sportività ha premiato la Vanoli

+ 12
+ 8


Per noi contagiati dal virus della pallacanestro non è questo il momento di esultare, perché per un po’ saremo privati delle pazzesche emozioni che il nostro sport ci ha regalate negli ultimi mesi. Tuttavia corre l’obbligo di complimentarci con la Vanoli di patron Aldo e di coach Pancotto per i brillanti risultati ottenuti. Una stagione non facile quella appena conclusa, sia tecnicamente che nel suo avvio, salvata in extremis grazie al potenziamento delle risorse economiche di un gruppo di sportivi con il Cav. Arvedi alla testa, che hanno consentito di portare in porto un progetto che pur non dispendiosissimo, pareva destinato ad essere cancellato. Ne hanno goduto per prestigio la città e per soddisfazioni tutti gli appassionati, poiché l’esito è stato tra i migliori che ci si potesse attendere. La dirigenza si stia già muovendo per avere un futuro senza incertezze ed è quanto auspicano tutti gli appassionati, noi “vecchi” per primi, che andiamo fieri della nostra Cremona in serie A. L’ultimo appuntamento con le gare si è chiuso felicemente ed in virtù del successo sui marchigiani di Montegranaro, addirittura la Vanoli si è classificata al quart’ultimo posto della classifica, mentre Montegranaro retrocederà, salvo scossoni derivanti dalle inchieste in corso aperte dalla Guardia di Finanza a carico della Montepaschi Siena, che si dice coinvolta in un giro di pagamenti “in nero” e fatture fasulle. Staremo a vedere, sperando che i verdetti non abbiano cadenza biblica, com’è nelle abitudini della giustizia italiana. Ma quella sportiva di giustizia è di solito più solerte. Avremo tempo di riparlare di questa stagione tracciando bilanci e pagelle individuali. Un solo accenno all’ultimo match ci piace dedicarlo alla sportività e serietà professionale della Vanoli che ha onorato l’impegno, non falsando l’esito del campionato. Bravi!



dalla redazione de Il Piccolo

Segnala questo articolo su