Cremona - Parcheggi liberi: il numero è a norma?

+ 17
+ 9


In città le soste a pagamento sono 2.418, mentre 6.870 quelle bianche. Bonoli: «In centro quasi tutti a pagamento. La dislocazione va rivista»
Sono 2418 i posteggi a pagamento sul territorio comunale di Cremona, di cui 1671 su strada e 747 in strutture. Di questi, 218 sono a pagamento solo nelle ore notturne (parcheggio piazzale delle Tranvie). In corrispondenza, vi sono 6.870 posteggi di libera sosta (dato riferito a quelli delimitati da strisce bianche) ai quali si aggiungono quelli non delimitati e per i quali non vi è un dato preciso. Accanto a questi vi sono 472 stalli per residenti, carico e scarico, e altri dedicati. Questi i dati, forniti dal Comune di Cremona, secondo i quali il numero di parcheggi liberi è congruo. Tuttavia c'è chi si chiede se questi sono distribuiti in maniera corretta, e se nella zona più centrale della città ve ne siano a sufficienza. Come evidenzia la lettera, nella zona più centrale sono infatti scarsi i posteggi liberi. Molti i cittadini che si lamentano, inoltre, per il costo del parcheggio, che risulta essere uno dei più alti della Lombardia, e soprattutto delle città di pari dimensioni rispetto alla nostra. Una circostanza confermata anche dalle associazioni dei commercianti, che da sempre combattono la propria battaglia sul tema dei parcheggi. «E' un argomento annoso - evidenzia Antonio Pisacane, segretario Asvicom dell'area cremonese -. Non è sicuramente il problema più grosso per il commercio, ma vi sono comunque dei miglioramenti auspicabili ». Il vero problema non è tanto l'assenza o meno dei posteggi, quanto il costo eccessivo degli stessi: ormai per parcheggiare in centro e nelle aree limitrofe il costo è di 1,70 euro all'ora. «Credo che il sistema dei parcheggi vada ottimizzato - spiega ancora Pisacane -. Soprattutto il fatto che vi siano sistemi di pagamento che non conteggiano la frazione d'ora non è accettabile. Il cittadino che utilizza il parcheggio per un quarto d'ora deve avere il diritto di pagare solo per il tempo in cui si ferma».

«Il costo è insostenibile - fa eco Giorgio Bonoli, direttore di Confesercenti Cremona -. Abbiamo i parcheggi più cari della Lombardia,. Ma soprattutto bisogna valutare la questione della frazione oraria: è giusto che si paghi l'effettivo utilizzo». Secondo l'associazione, tuttavia, anche il numero dei parcheggi gratuiti è scarso, per il centro storico: «Ormai si trovano quasi solo strisce blu - sottolinea ancora Bonoli -. L'amministrazione comunale dovrebbe rivedere la dislocazione dei posteggi e riequilibrare la situazione » Dal canto suo, l'amministrazione comunale sta già portando avanti un progetto di revisione del sistema dei parcheggi, come è emerso nel corso dell'ultimo tavolo del Duc (Distretto Urbano del commercio). E' emersa la volontà di imprimere una svolta nella tariffazione del parcheggio Villa Glori per renderlo più utilizzato da chi va a fare shopping: il costo orario passerebbe da 1,70 a 1,50 euro e gli scatti sarebbero ogni quindici minuti. In questo modo verrebbe meno l’assurdità di pagare una tariffa di due ore anche se si utilizza il parcheggio per un'ora e qualche minuto. Un discorso simile si sta portando avanti anche per altri parcheggi, soprattutto per quanto riguarda la diminuzione della tariffa.

dalla redazione de Il Piccolo

Segnala questo articolo su